Documento senza titolo

The Wild Swans

I Cigni Selvatici

 

                                                                                     
The Wild Swans                                                                    Cigni Selvatici
 
A story by Hans C. Andersen                                   Un racconto di Hans C. Andersen                                                                                                            
adapted by Bilingualstoryworld                                adattato da Bilingualstoryworld
 

   



 
 

 

 

Once upon a time there was a king and his queen who had eleven sons andadaughter called Elisa. 

 

The people were very sad when the queen died, and even sadder when their King’s new wife turned out to be evil. She soon started to make plans to get rid of the king’s beautiful children. She sent his daughter to live with some poor peasants out in the country saying ‘It will do wonders for her health.’

Then she told the King terrible lies about his sons. So terrible that the King lost interest in them. ‘Do what you must.’ Was his reply.

 

‘Fly away out into the world, fly as voiceless birds!’ cursed the Queensending the eleven princes away. But the Queen’s power had limits and they flew out of the castle window as eleven white swans.

 

 

At the age of fifteen Elisa was brought back to the castle, and when the Queen saw how beautiful she was she became jealous.

She took the juice from some walnut shells and rubbed Elisa’s body until it was streaked black and brown and presented her before the King.

‘That’s not my daughter!’ he shouted when he saw her.

Elisa was so sad that she ran outof the castle, across fields and swamps until she came to a forest. When night fell, she lay down on some soft moss under a tree and dreamed of her brothers.

The next morning she woke to the sound of water. On bending down to catch some in her hands, to drink, she saw the reflection  of someone quite horrible. Elisa understood why her father hadn’t recognised her as his daughter. She quickly washed off those horrible e black streaks.

 

 

 

 

'I must find my brothers,’ she thought walking on until she met an old woman. ‘Excuse me, have you by any chance seen eleven princes riding through the forest?’ asked Elisa.

 

 

 

 

‘No, But I’ve seen eleven swans with golden crowns on their heads in a stream not far from here.’ Replied the old woman.

 

 

 

Elisa walked on and just as the sun was setting she saw them. ‘Hey!? she shouted and right before  her eyes the swans turned into her eleven handsome brothers.

 ‘We must fly as wild swans when the sun is high in the sky’ explained her oldest brother’  and when night comes we are princes once again. We live on the other side of the forest. Come… come with us.’

 

 

 

They made a mat of reeds and the next morning they carried her away. They flew over and through strange lands full of castles, forests and mountains to a cave where she slept and dreamed.

‘What can I do to help them to break the queen’s spell?’ Elisa asked one night in her sleep to Fata Morgana, who strangely resembled the old woman she had met in the forest.

‘Your brothers can break the spell with your help. You must pick some nettles growing down by the water and make eleven coats. But If you speak, or make a sound before you finish thecoats, your brothers will die!’

 

A few days later Elisa had already made six coats but she still needed more. Her hands

were very sore, but she had to save her brothers.

One day, as she was out collecting more nettles, she heard distant horns and just asshe was about to enter the cave, a big dog jumped from behind a bush, then another and another. She was too scared to move or even shout. She stood still and remained silent remembering Fata Morgana’s words.’

A group of hunters arrived and one of them, the King of that land, called out to the dogs to be quiet.

C'erano una volta un re e la sua regina che avevano undici figli e una figlia di nome Elisa.

 

La gente si rattristò molto quando la regina morì, e divenne ancora più triste quando la nuova moglie del re si rivelò essere malvagia. Presto iniziò a pensare a come sbarazzarsi dei bellissimi figli del re. Mandò la figlia a vivere con dei poveri contadini fuori in campagna, dicendo 'Farà meraviglie per la sua salute.'

 

Poi disse al re delle terribili bugie sui suoi figli. Così terribili che il re perse interesse per loro. 'Fa quel che devi.' Fu la sua risposta.

 

'Volate via per il mondo, volate come uccelli senza voce!' maledì la regina mandando via gli undici principi.  Ma il potere della regina aveva dei limiti e loro volarono fuori dalla finestra del castello come undici cigni bianchi.

 

 

All’età di quindici anni Elisa fu riportata al castello, e quando la Regina vide quanto fosse bella, divenne gelosa.

 

 

Prese il succo dai gusci di alcune noci e strofinò il corpo di Elisa fino a quando fu striato di nero e marrone e la portò davanti al re.

'Quella non è mia figlia!' urlò lui quando la vide.

 

Elisa era talmente triste che corse fuori dal castello, attraversò campi e paludi fino a quando raggiunse una foresta. Quando calò la notte, si sdraiò sopra del soffice muschio sotto un albero e sognò i suoi fratelli.

Il mattino seguente si svegliò al rumore dell’ acqua.  Quando si chinò per prenderne un po' tra le mani, per bere, vide il riflesso di qualcuno davvero orribile. Elisa capì perché suo padre non l'aveva riconosciuta come sua figlia.  Svelta lavò via quelle orribili striature nere.

'Devo trovare i miei fratelli', pensò camminando fino a quando incontrò una vecchia signora. 'Mi scusi, ha per caso visto undici principi cavalcare attraverso la foresta?' chiese Elisa.

'No, ma ho visto undici cigni con delle corone dorate sulle loro teste in un ruscello non lontano da qui.' Rispose la vecchia signora.

 

 

 

Elisa camminò e camminò e prima che il sole tramontasse li vide. 'Ehi?' urlò e davanti ai suoi occhi i cigni si trasformarono nei suoi undici splendidi fratelli.

‘Dobbiamo volare come cigni selvatici quando il sole è alto nel cielo' spiegò il fratello più grande 'e quando viene la notte diventiamo di nuovo principi. Viviamo dall'altra parte della foresta. Vieni.... vieni con noi'.

 

Costruirono un tappeto di vimini e il mattino seguente la trasportarono. Volarono sopra e attraverso strane terre piene di castelli, foreste e montagne fino a una grotta  dove lei dormì e sognò.

 

'Che cosa posso fare per aiutarli a rompere l’incantesimo della regina?' Elisa chiese una sera nel sonno alla fata Morgana, che stranamente assomigliava alla vecchia signora che aveva incontrato nella foresta.

'I tuoi fratelli possono rompere l’incantesimo con il tuo aiuto. Devi raccogliere le ortiche che crescono vicino all'acqua e fare undici manti. Ma se parli, o ti lamenti prima di finire i manti, i tuoi fratelli moriranno!'

Pochi giorni dopo, Elisa aveva già confezionato seimanti, ma gliene servivano di più. Le sue mani erano doloranti, ma doveva salvare i suoi fratelli.

 Un giorno, mentre era fuori a raccogliere altre ortiche, sentì dei corni lontani e mentre stava per entrare nella grotta, un grosso cane saltò fuori da un cespuglio, poi un altro e un altro ancora. Era troppo spaventata per muoversi o persino per urlare. Stette immobile e rimase in silenzio, ricordando le parole di fata Morgana.

Un gruppo di cacciatori arrivò e uno di loro, il re di quel paese, richiamò i cani perché stessero zitti.

 

 

 

 

 ‘What are you doing here on this side of the forest?’ He asked.

Elisa looking into the eyes of this handsome stranger immediately fell in love.

‘You cannot stay here. If you are as good as you are beautiful then you must wear a golden crown on your head and call my castle your home.’

Elisa couldn’t reply. ‘I only want to make you happy.’ He continued and placing her on his horse they rode off to his castle.

 

Elisa was very sad, she had abandoned her brothers, she couldn’t speak she couldn’t make a sound. If she did they would die.

On arriving at the castle she was dressed in silk and was married by an archbishop who thought it was very strange that she couldn’t or wouldn’t speak. Had the King fallen in love, with a witch?

Elisa’s heart burst with joy and love for her King when the next day he showed her a room full of her strange green coats.

So she continued to work while he slept, until one day she had run out of nettles.

The following night she crept out of the castle, down to the cemetery where she knew nettles grew. But someone saw her sneaking out, the Archbishop.

She was accused of being a witch, visiting a cemetery at night and casting a spell over the King.

She was thrown into prison.

She heard the sound of beating wings on her prison window. It was her youngest brother. He had found her at last.

Just before sunrise all her brothers presented themselves at the castle, but the King was asleep and nobody dared to wake him.

The next day at sunrise Elisa was being taken by cart to be tried as a witch. All the townspeople were in the streets shouting, when suddenly eleven swans flew down onto her cart.

Elisa threw her coats over these birds, who immediately turned into eleven beautiful princes, but unfortunately she hadn’t had time to finish the last one, and her younger brother still had a swan’s wing instead of an arm.

 

 

'I’m innocent!’ she shouted.

‘She’s innocent’ shouted the princes.

‘Yes, innocent!’ shouted the people as the cart turned towards the castle where her King was waiting for her return.

 

 

 ‘Cosa state facendo qui in questa parte della foresta?' Le chiese.

Elisa guardando gli occhi di questo bellissimo sconosciuto immediatamente s’ innamorò.

'Non puoi stare qui. Se sei buona quanto sei bella allora devi indossare una corona d’oro sulla tua testa e chiamare il mio castello casa tua.'

 

Elisa non poteva rispondere. 'Voglio solo renderti felice.' Continuò lui e mettendola sul suo cavallo cavalcarono verso il suo castello. Elisa era molto triste, aveva abbandonato i suoi fratelli, non poteva né  parlare, né sospirare. Se l’avesse fatto, loro sarebbero morti.

Arrivata al castello fu vestita di seta e sposata da un arcivescovo che pensava fosse molto strano che lei non potesse o volesse parlare. Il Re si era innamorato di una strega?

 

Il cuore di Elisa scoppiò di gioia e di amore per il suo Re, quando il giorno successivo le mostrò una camera piena dei suoi strani manti verdi. Così lei continuò a lavorare mentre lui dormiva, fino a quando un giorno finì le ortiche.

La notte seguente uscì fuori dal castello, giù al cimitero dove sapeva che crescevano le ortiche.  Ma  una persona la vide sgattaiolare fuori, l'Arcivescovo

Fu accusata di essere una strega, di visitare il cimitero di notte e di aver fatto un incantesimo sul re.

Fu rinchiusa in prigione.

Sentì il rumore di ali di cigno sbattere fuori dalla finestra della sua prigione. Era suo fratello minore. L'aveva trovata alla fine.

 

Appena prima dell'alba, tutti i suoi fratelli si presentarono al castello, ma il re stava dormendo e nessuno osò svegliarlo.

 

 

Il giorno successivo, all’alba, Elisa fu trasportata su un carro per essere processata come strega. Tutti i cittadini erano per strada urlanti, quando all'improvviso undici cigni volarono giù sul suo carro.

 

Elisa lanciò i manti sopra questi uccelli, che immediatamente si trasformarono in undici bellissimi principi, ma sfortunatamente non aveva fatto in tempo a finire l’ultimo, e suo fratello più giovane aveva ancora un'ala di cigno al posto di un braccio.

 

'Sono innocente!' lei urlò.

'E’ innocente' urlarono i principi.

'Si, innocente!' urlò la gente mentre il carro svoltava verso il castello dove il re stava a aspettando il suo ritorno.