Documento senza titolo

Vasilisa the Beautiful

Vasilisa la bella

 

Vasilisa the Beautiful
A Russian fairy tale

  Vassillissa la bella

Una fiaba russa

Once upon a time there was a Russian merchant who had a daughter known as Vasilisa the beautiful, as she was so very beautiful.

Sadly, when she was only eight her mother became very ill and just before she died she called Vasilisa to her bedside and gave her a small wooden doll.

She told her to keep it with her at all times and to show no one.


Vasilisa spent days and nights in tears. She was so sad that she forgot about the doll. Until, one evening, when she was thinking about her mother and happened to put her hand into her pocket and found the doll and remembered her mother’s words. If she needed help all she had to do was to give the doll something to eat. She blessed her child and kissed her for her very last time.

As soon as she gave the doll something to eat, it woke up, smiled and told Vasilisa not to be afraid and she was there to help her. 
 
Vasilisa’s father had to travel a lot on business, so he thought it would be for Vasilisa’s best if he married again. He chose a widow who had two daughters and they went to live in their new cottage on the edge of a big forest. The stepmother and her daughters were very kind to Vasilisa, that is until her father’s departure… then things changed!

Infact, they were so jealous of Vasilisa’s beauty that they bullied her into doing all the housework and even the work in the fields. Vasilisa continued to give her doll a little to eat, and the doll was more than willing to help her with her jobs. 

In the meantime, Vasilisa grew more and more beautiful by the day.In that forest livedan old witch known as Baba Yaga lived in that forest and anyone who venturing near her hut was instantly eaten on the spot!

So the stepmother, sent Vasilisa into the forest almost every day to gather wood, hoping that she might be eaten by that old witch; but, thanks to her doll, the girl always returned home safely.

One autumn evening, the stepmother, after having given the three girls jobs to do, one some sewing, the other knitting and Vasilisa to spin some linen, went off to bed leaving them their only candle.
They began their tasks, but then when one of the stepsisters pretending to straighten the wick with her needle put the candle out. 
 
As there was no other light, they told Vasilisa to go to Baba Yaga to fetch some fire.
Vasilisa turned to her doll for help, who told her not to worry as if they stayed together, no harm would come to her. 
So, Vasilisa ventured out into the dark, cold forest, when, suddenly, a rider dressed in white galloped past on a white horse.

At that same very moment the first light of dawn appeared. What seemed a little later another horseman galloped past her. He was dressed in red and rode a red horse. 

In the meantime, the sun had risen and was high in the sky!

Vasilisa walked all day and then just as she began to feel so tired and about to faint, she came across a glade and there right in the middle a hut. 
It stood on chicken legs, its fence was made of human bones and on top there were grinning skulls. The door and window handles were made of human hands and feet! The door latch of sharp teeth! 
 

A third horseman rode by dressed in black on a black horse

Night had come, and at that very same moment the eye sockets of the skulls began to shine, so fiercely that Vasilisa felt so frightened… but worse was yet to come!    

Among the trees Baba Yaga suddenly appeared, flying on a mortar driven by a pestle in her right hand and in her left she held a broom which was sweeping away the trail behind her. 
The witch had a long upturned chin and a longer downward nose. She had warts and very long nails. 

 When Baba Yaga arrived in front of the hut, she sniffed the air shouting that she could smell human flesh!  ‘Show yourself!’ she screamed

Vasilissa, so very frightened, whispered that her stepsisters had sent her to get some fire. 

The witch replied that she would have fire inexchange for work or otherwise she would eat her!
After a few magic words the door burst open and closed immediately behind them. ‘Take everything out of the oven!’ ordered the witch. Vasilisa took everything out of the oven and, once the food was on the table, the witch began to shovel it into her mouth, leaving the girl nothing but a drop of soup and a crust of bread. 
‘Tomorrow morning, when I am out’, yelled the witch, ‘You must clean the hut from top to bottom, weed the yard, pick out the bad grains of wheat from the good and cook! All this before I’m back, or you’re my supper!’ After which Baba Yaga immediately fell asleep and began to snore very loudly. 
Vasilisa fed her doll with the scraps and asked for help. The doll told her not to worry and to try and get some sleep. 

The next morning the witch had already left before Vasilisa had woken.

The white horseman had already passed and the sun had risen. Vasilisa had just started to worry about all the work that had to be done, when she realised it had already been done!

The red horseman rode by and then the black horseman on his black horse, and the sun had set.
When Baba Yaga returned, she saw that everything had been done; she was so disappointed but pretended not to be.
She called her faithful servants and told them to grind the wheat; suddenly three pairs of skeletal hands appeared and started to work.
 
When Baba Yaga had finished eating her supper she told Vasilissa that, the next day, she had to do the same jobs and.... to tackle the large heap in her back yard;  and to separate the poppy seeds from the dirt. 
While the witch slept, Vasilissa fed her doll and then went to bed.
 
When Baba Yaga returned the following evening, she saw that all the work had been done. Disappointed, once again she ordered her three pairs of hands to press the oil from the poppy seeds. 
 
While the witch ate, Vasilisa watched. The old hag asked her if she had anything to ask, adding that if she asked too much, she would become old too soon. 
 
Vasilisa asked about the three horsemen. Baba Yaga replied that the white one was her bright dawn, the red her burning sun, and the black her dark night. Her three faithful servants! 
 
Vasilisa immediately thought about the three pair of hands. ‘Do you have anything else to ask?’ cried the witch. Vasilisa replied ‘I know more than enough and I do not want to become old too soon. Thank you.’ 
‘Good!’ shouted Baba Yaga; as Vasilisa had asked only about what she had seen outside, adding that she had eaten those who asked about what they had seen inside! Being curious, the witch asked the girl know how she had managed to do all the work so quickly.
Vasilisa replied that her mother’s blessing had helped her.
 ‘Out! Get out of here!’  Howled Baba Yaga.  ‘I don’t want blessed girls in my house!’
She took a burning-eyed skull from the fence, put it on a stick and gave it to Vasilisa saying: ‘Here’s your fire! Go!’ The girl took it and ran.

Finally she managed to find her way home and… as she was just about to throw the skull away before entering, it spoke. ‘Take me in’. So she did!

Her stepmother and stepsisters welcomed her back, happy that she had brought fire, and it was at that moment that the burning eyes of the skull began to glare so fiercely that they ran away in fright!  Its burning gaze followed them, boring into their bodies and souls until all three had become nothing but ashes.
 
 
 
 
 
 
 
Later Vasilisa buried the skull and went to the village and found a nice old lady who took her in.  She asked Vasilisa to spin some linen to occupy her thoughts until her father’s return. The cloth was so fine that the old lady used it to make the Tsar’s shirts.  When the Tsar saw his new shirts he wanted to meet the person who spun such fine cloth. When he saw Vasilisa,. Vasilisa the beautiful, it was love at first sight!
 
 
 
 
 
 
 
The Tsar married her and they all lived happily ever after in his very big castle. And the doll? Yes, the doll is still there now helping Vasilissa in her new life as queen.
C’era una volta un mercante russo che aveva una figlia conosciuta come Vassilissa la bella, perché era bellissima. 
 
Tristemente, quando aveva solo otto anni la madre si ammalò e poco prima di morire  chiamò Vassillissa al suo capezzale e le diede una bambola di legno.

Le disse di tenerla con sé sempre e di non mostrarla a nessuno.

Se avesse avuto bisogno di aiuto tutto ciò che doveva fare era di dare alla bambola qualcosa da mangiare. 

 
 
Vassillissa passò notti e giorni in lacrime... Era così triste che si dimenticò della bambola. Finché, una sera, mentre pensava alla sua mamma, mise la mano nella tasca e, trovandoci la bambola, si ricordò delle parole di sua madre.
Non appena diede qualcosa da mangiare alla bambola, questa si svegliò, sorrise e disse a Vassilissa di non aver paura e che lei era lì per aiutarla. 
 
Il padre di Vassillissa doveva viaggiare molto per affari, così pensò che sarebbe stato meglio per Vassillissa se si fosse risposato. Scelse una vedova che aveva due figlie e andarono a vivere nella loro nuova casa ai margini di una grande foresta. La matrigna e le sue figlie erano molto gentili con Vassillissa, questo fino alla partenza di suo padre... poi le cose cambiarono!
 
Infatti, erano talmente gelose della bellezza di Vassillissa che la costringevano a fare tutti i lavori di casa e persino il lavoro nei campi. Vassillissa continuava a dare alla sua bambola un pochino da mangiare, e la bambola era più che disposta ad aiutarla con i suoi lavori. Nel frattempo, Vassillissa cresceva ogni giorno sempre più bella. 
In quella foresta viveva una vecchia strega, conosciuta come Baba Yaga e chiunque si avvicinava alla sua capanna veniva divorato all’istante!
 
Così la matrigna, mandava  Vassillissa quasi ogni giorno nella foresta a raccogliere legna, sperando che potesse essere mangiata da quella vecchia strega; ma, grazie alla sua bambola, la ragazza tornava sempre a casa sana e salva.
 
Una sera d’autunno, la matrigna, dopo aver dato alle tre ragazze del lavoro da fare, una doveva cucire, l’altra lavorare a maglia e Vassillissa filare del lino, andò a dormire lasciandogli solo la loro candela.  
Cominciarono a lavorare, ma quando poi una delle sorellastre finse di raddrizzare lo stoppino della candela con il suo ago la spense.
 
Siccome non c’era nessun altra luce, dissero a Vassilissa di andare da Baba Yaga a prendere del fuoco. 

Vasillissa, chiese aiuto alla sua bambola

che le disse di non preoccuparsi perché se stavano insieme, nulla di male poteva accaderle.

Così, Vasillissa s'incamminò nella foresta buia e fredda,

quando, all’improvviso,  un cavaliere vestito di bianco le galoppò davanti su un cavallo bianco.
In quello stesso momento apparvero le prime luci dell’alba.
Un po’ più tardi un altro cavaliere galoppò davanti a lei. Era vestito di rosso e cavalcava un cavallo rosso.

Nel frattempo, il sole era sorto ed era ormai alto nel cielo! 

Vassillissa camminò per tutto il giorno e proprio quando si sentì così stanca e sul punto di svenire, trovò una radura

 proprio là nel mezzo c’era una capanna.
Poggiava su zampe di pollo, il suo steccato era fatto di ossa umane e sulla cima erano infilati dei teschi sogghignanti. Le maniglie delle porte e delle finestre erano fatte con mani e piedi umani! Il chiavistello era fatto di denti aguzzi. 

 

Passò un terzo cavaliere vestito di nero su di un cavallo nero. Scese la notte, e in quello stesso istante le orbite dei teschi cominciarono a luccicare così violentemente che Vassilissa si sentì molto spaventata...
ma il peggio doveva ancora venire! 
 
Tra gli alberi, apparve improvvisamente Baba Yaga, volando su un mortaio pilotato grazie a un pestello nella sua mano destra, mentre nella mano sinistra teneva una scopa con la quale cancellava le tracce dietro di sé.
La strega aveva il mento all’insù e un lungo naso all’ingiù. Aveva verruche e unghie molte lunghe.
 
Quando la strega arrivò di fronte alla capanna, fiutò l’aria gridando che sentiva odore di carne umana! “Mostrati!” urlò. 
 
Vassillissa, totalmente impaurita mormorò che le sue sorellastre l’avevano mandata per prendere del fuoco.  La strega rispose che avrebbe avuto il fuoco solo se avesse lavorato altrimenti l’avrebbe mangiata! 
 
Dopo alcune parole magiche la porta si spalancò e si richiuse subito dopo dietro di loro. “Tira fuori tutto quello che c’è nel forno!” ordinò la strega. Vassillissa prese tutto ciò che c’era nel forno e una volta che il cibo fu sulla tavola, la strega cominciò a mangiare a quattro palmenti, lasciando alla ragazza solo una crosta di pane e un cucchiaio di minestra. 
 
 
“Domattina, quando uscirò”, gridò la strega, “dovrai pulire la capanna da cima a fondo, spazzare il cortile, separare i chicchi di grano non buoni da quelli buoni e cucinare! Tutto questo prima del mio ritorno, altrimenti sarai tu la mia cena!” Dopodiché Baba Yaga si addormentò e cominciò a russare molto forte. 

Vassillissa nutrì la sua bambola con gli avanzi e le chiese aiuto. La bambola le disse di non preoccuparsi e di cercare di dormire. La mattina dopo la strega se ne era già andata prima che Vassillissa si svegliasse.

 
 
 
 
 
 
 
 
ll cavaliere bianco era già passato e il sole era sorto. Vassilissa  aveva già cominciato a preoccuparsi per tutto il lavoro che doveva essere fatto, quando si accorse che era già stato fatto!
 
 
Passò il cavaliere rosso e poi il cavaliere nero sul suo cavallo nero, e il sole tramontò.
Quando Baba Yaga tornò, vide che tutto era stato fatto; rimase delusa ma finse di non esserlo. 
Chiamò i suoi fedeli servitori e disse loro di macinare il grano; improvvisamente apparvero tre paia di mani scheletriche che cominciarono il lavoro. 
 
 
Quando Baba Yaga finì di mangiare la cena disse a Vassilissa che, il giorno dopo, avrebbe dovuto fare gli stessi lavori e... occuparsi del grosso mucchio nel cortile sul retro: e separare i semi di papavero dalla sporcizia. 
Quando la strega si addormentò la fanciulla nutrì la sua bambola e andò a letto. 
 
 
 
La sera dopo, quando Baba Yaga tornò, vide che tutto il lavoro era stato fatto. Nuovamente delusa, ordinò alle sue tre paia di mani di spremere l’olio dai semi di papavero. 
 
 
 
Mentre la strega mangiava, Vassillissa la guardava. La vecchia strega le chiese se avesse qualcosa da chiedere, aggiungendo che se avesse chiesto troppo, sarebbe diventata vecchia in fretta. 
 
 
 
Vassillissa chiese dei tre cavalieri. Baba Yaga rispose che quello bianco era la sua alba luminosa, quello rosso il suo sole infuocato, e quello nero la sua notte oscura. I suoi tre servitori fedeli!
 
 
Immediatamente, Vassillissa pensò alle tre paia di mani. “Hai qualcos’altro da chiedere?” urlò la strega. Vassilissa rispose “Ne so abbastanza e non voglio diventare vecchia troppo presto. Grazie.” 
 
“Bene” gridò Baba Yaga; perché Vassillissa aveva chiesto di quello che aveva visto fuori, aggiungendo che aveva mangiato quelli che avevano chiesto di ciò che avevano visto dentro!  Essendo curiosa, la strega chiese alla ragazza come aveva fatto a fare tutto il lavoro così in fretta. 
 
Vassillissa disse che la benedizione di sua madre l’aveva aiutata...
“Vattene di qui!” Gridò Baba Yaga. “ Non voglio ragazze benedette in casa mia!”
Prese dallo steccato un teschio con gli occhi fiammeggianti, lo mise su un bastone e lo diede a Vassilissa dicendo: “Ecco il tuo fuoco! Vai!” La ragazza lo prese e corse via.

 

 

Poi riuscì a trovare la strada di casa sua e... siccome fu sul punto di gettare il teschio prima di entrare, esso parlò. “Portami dentro.” E così lei fece!
 
La matrigna  e le sorellastre la accolsero felici che avesse portato il fuoco, e fu in quel momento che gli occhi ardenti del teschio si misero a fissare la matrigna e le sue figlie così minacciosamente che loro scapparono terrorizzate! Lo sguardo fiammeggiante le seguì, penetrando nei loro corpi e nelle loro anime finché tutte e tre non divennero altro che cenere. 
 
Più tardi Vassillissa seppellì il teschio,  e andò al villaggio e trovò una vecchia e gentile signora che la ospitò.  Chiese a Vassilissa di filare del lino per occupare la mente fino al ritorno di suo padre. Il tessuto era così bello che la vecchia signora lo utilizzò per fare le camicie allo zar. Quando lo zar vide le sue nuove camicie volle conoscere la persona che  aveva tessuto una stoffa così bella.
Quando vide Vassilissa, Vassilissa la bella, fu amore a prima vista! 
 
Lo Zar la sposò e vissero per sempre felici e contenti nel suo grande castello.
E la bambola? Sì, la bambola é ancora là che aiuta Vassilissa nella sua nuova vita da regina.