Documento senza titolo

The Story of Orpheus and Eurydice

La storia di Orfeo e Euridice

 

The Story of Orpheus and Eurydice 

La Storia di Orfeo e Euridice 

This is the story of a young man called Orpheus and of his lovely Eurydice.

Orpheus is the son of Apollo, a really handsome god who lives on Mount Olympus, home of the Greek gods, and of Calliope the goddess of music and song. So thanks to his parents, Orpheus is both very handsome and a great musician too!

One day, while Orpheus is playing his lyre under a magnificent almond tree, a beautiful young girl called Eurydice walks by, and hearing such sweet music she hides behind the tree to listen and to look at that very handsome young man who then begins to sing.

The more she listens, the more she is captivated by his music… and by him, too!

You can imagine Eurydice’s surprise, when that great old tree bends its trunk to caress that young man’s forehead.

But, when she steps out from her hiding place, to take a closer look, an enormous ferocious tiger jumps out from the depths of the forest.

Eurydice screams and without thinking twice Orpheus throws himself in front of the animal, and plays with all his might!

To Eurydice’s amazement the tiger stops in midair, falling under the spell of Orpheus’s sweet music; and it is soon sitting at his feet.

After nearly fainting out of fright, Eurydice, surprisingly finds herself stroking that very same beast.   

                   

Eurydice’s beauty bewitches Orpheus. He strokes the tiger in thanks for helping him impress that enchanting girl; hiding at the same his true feelings just as real heroes do.

They are so taken with each that they quickly forget both time and place. The sun sets and the moon takes its place, creating one of the most wonderful nights in which they promise to love each other forever.

They marry under the very same almond tree, and their witness? The tiger of course, together with two passing fireflies that create two gorgeous rings of light!

The tree bows once again and shakes its branches to make a wonderful soft white blossom bed for the two young newlyweds.

Eurydice is now a happy wife and thanks to Orpheus’s magic music, she fears nothing and they live so happily.

One day, his father, Apollo, asks Orpheus and other Greek heroes to set sail on the Argo, in search of the Golden Fleece.

A dangerous mission to distant lands awaits them…

Eurydice is now alone… And it is at this moment an ugly mug by the name of Artisteus arrives on the scene!

Eurydice’s beauty bewitches him… He follows her wherever she goes. Day and night, making himself a terrible nuisance!

One hot day, while Eurydice is cooling her feet in a stream when Aristeus pops out from behind a bush. He tries to grab hold of her but she gives him an almighty shove and runs as fast as she can barefoot through woods and fields.

Furious, Aristeus chases after her, but then he suddenly stops and looks... She is so pale! She is staggering… she falls to the ground!

A very poisonous snake slithers away leaving a bite on her foot. Eurydice dies!      

It is impossible to describe Orpheus’s great despair when learning on his return, of his wife’s terrible fate.

 

He decides to go directly to the Underworld to persuade the mighty Hades, god of darkness, to give him Eurydice back.

At the entrance to the Underworld he finds Cerberus, a three-headed beast guarding the gates, ready to tear apart those who dare to enter.

Once again, Orpheus’s sweet music soon casts its magic spell… andwith a friendly pat on that three-headed monster, Orpheus goes into that very, very dark world.

 

Nine days later, without meeting a single soul, neither dead nor alive, he continues to walk down and down.  He comes to an amphitheatre; and there, he sees three lovely young girls dancing… their hair with plaited snakes.

They are the daughters of Hades and the Night.

They try to distract him, but Orpheus continues to play his lyre, and sings his love for Eurydice for nine long days and nine long nights.

Finally, the Erinyes, the three young girls, and even the snakes, are so close to tears; and, under his spell, they ask their father, Hades, to give Eurydice back to Orpheus.

Hades is a very strict father, but he loves his three strange daughters so much that he agrees to let Eurydice return with Orpheus; but he tells him that on their homeward  journey to the Land of the Living, he must never, ever turn round to look round at Eurydice… no matter what!

Orpheus agrees, he is very happy, and so he begins his journey, followed of course by Eurydice. He can just about hear her footsteps behind him; but these become fainter and fainter and soon Orpheus cannot hear them at all!

Just when he reaches the door that divides the dead from the living, he is so very worried and happy at the same time, that he forgets his promise to Hades and he turns...!

And at that very instant Eurydice vanishes…

Orpheus tries to return to the Underworld; but rules are rules, and a living person cannot return there twice!

From that moment on, Orpheus is in total despair; and every day and every night he sits by the river playing such sad tunes, that they make all the plants, all the animals and even the most hard-hearted of heroes cry.  

And when this music reaches Mount Olympus, the Gods want to do something… But what?

 

One night Orpheus starts to cry so hard that his tears become one with the river; and he silently flows down into its depths. The Erinyes, the three young girls with their plaits of snakes, carry Eurydice, who is now of stone from sadness, to the very same spot. They put her in the water where she sinks…

Finally, the two lovers are together...

Still today, in that very same river, you can hear those magical notes accompanied by nightingales which continue to sing at that very same spot. 

 

Questa è la storia di un giovane di nome Orfeo e della sua bella Euridice.

Orfeo è il figlio di Apollo, un dio bellissimo che vive sul Monte Olimpo, la dimora degli dei Greci, e di Calliope, la dea della musica e del canto. Perciò, grazie ai suoi genitori, Orfeo è sia un bel ragazzo che un meraviglioso musicista!

 

Un giorno, mentre Orfeo è sotto uno splendido mandorlo a suonare la lira arriva una bellissima fanciulla che si chiama Euridice che, sentendo quella dolce musica, si nasconde dietro l’albero per ascoltare e guardare quel bellissimo giovane che comincia anche a cantare.

E più lei ascolta e più è   affascinata da quella melodia... e anche da lui.

 

Potete immaginare la sorpresa di Euridice quando, quell’enorme vecchio albero piega il suo tronco per accarezzare la fronte del giovane.

 

Ma, quando lei esce dal suo nascondiglio, per guardare più da vicino, un’enorme e feroce tigre salta fuori dal folto del foresta.

Euridice grida e Orfeo, senza pensarci due volte, si getta davanti all’animale e suona con tutte le sue forze!

Con grande stupore di Euridice la tigre si ferma a mezz'aria,

stregata dalla dolce musica di Orfeo; e in un attimo è seduta ai suoi piedi.

Dopo essere quasi svenuta dalla paura, Euridice, con sua sorpresa, si trova ad accarezzare quella stessa belva.

La bellezza di Euridice incanta Orfeo. Egli accarezza la tigre ringraziandola per averlo aiutato a fare colpo su quella incantevole fanciulla; nascondendo al tempo stesso i suoi veri sentimenti proprio come fanno i veri eroi.

Sono così presi l’un l’ altra che presto dimenticano sia il tempo che lo spazio. Il sole tramonta e la luna prende il suo posto, creando la più meravigliosa delle notti in cui giurano di amarsi per sempre .

 

 

Si sposano proprio sotto lo stesso mandorlo, e il loro testimone? La tigre, naturalmente, insieme a due lucciole di passaggio che regalano ai due giovani due splendidi anelli di luce!

 

Ancora una volta, l’albero si piega e scuote i suoi rami, creando un meraviglioso letto di soffici fiori bianchi per i due sposini.

Euridice è ora una moglie felice perché, grazie alla magica musica di Orfeo non ha paura di niente e vivono felicemente. 

Un giorno, suo padre, Apollo, chiede a lui e ad altri eroi di imbarcarsi sulla nave Argo, alla ricerca del Vello d’oro.

Una pericolosa missione in terre lontane li attende...

 

 

Ora Euridice è sola... Ed è proprio in questo momento che un brutto ceffo di nome Aristeo appare sulla scena!

La bellezza di Euridice lo incanta... Dovunque la fanciulla va lui la segue giorno e notte... diventando una terribile seccatura!

In una giornata calda, Euridice si sta rinfrescando i piedi quandoAristeo sbuca da dietro un cespuglio. Lui cerca di abbracciarla ma lei le dà una spintone e corre scalza più veloce che può attraverso i boschi e i campi.

Aristeo infuriato la insegue, ma poi si ferma e la guarda... E’ così pallida!  Sta barcollando... cade a terra.

Un serpente velenosissimo striscia via dopo averle morso un piede. Euridice muore!                             

E’ impossibile descrivere la grande disperazione di Orfeo quando apprende al suo ritorno del terribile destino di sua moglie.

Decide di andare dritto nell’aldilà per convincere il potente Ade, dio dell’oscurità, a restituirgli Euridice.

 

All’entrata dell’aldilà trova Cerbero, una bestia a tre teste a guardia dei cancelli pronta a sbranare quelli che osano avvicinarsi.

 

 

Ancora una volta, la dolce melodia di Orfeo getta il suo incantesimo... e con un amichevole pacca sulle tre teste di quel mostro, Orfeo entra in quel mondo terribilmente oscuro.

 

 

Nove giorni dopo, senza aver incontrato una sola anima, né viva né anima morta, Orfeo continua ad andare sempre più giù. Arriva ad un anfiteatro; e là, vede, tre belle fanciulle che danzano... con i capelli intrecciati con serpenti.

 

Sono le figlie di Ade e della Notte.

Loro cercano di distrarlo, ma Orfeo continua a suonare la lira, e canta il suo amore per Euridice per nove lunghi giorni e nove lunghe notti.

Alla fine, le Erinni, le tre giovani fanciulle, e perfino i serpenti, si commuovono fino alle lacrime; e, stregate dal suo canto, chiedono al padre, Ade, di ridare Euridice ad Orfeo.

 

 

Ade, è un padre severo, ma ama talmente le sue tre strane figlie che accetta di lasciare che Euridice ritorni con Orfeo; ma esige che nel loro viaggio di ritorno verso il regno dei vivi, lui non si debba girare mai e poi mai a  guardare Euridice... per nessun motivo!

 

 

Orfeo accetta, è molto felice, e così inizia il suo viaggio, ovviamente seguito da Euridice. Può appena sentire i suoi passi dietro di lui; ma questi diventano sempre più lievi... così lievi che presto Orfeo non riesce più a sentirli!

Proprio quando raggiunge la porta che separa i morti dai vivi, è allo stesso tempo così preoccupato e così felice, che dimentica la sua promessa ad Ade e si volta...!

E in quel esatto istante Euridice scompare...

 

Orfeo cerca di tornare nell’oltretomba; ma le regole sono regole, e una persona viva non può ritornare là una seconda volta!

 

Da quel momento in poi Orfeo è nella disperazione più totale; e ogni giorno e ogni notte siede in riva al fiume suonando delle melodie così tristi da far piangere tutte le piante, tutti gli animali e perfino gli uomini più duri di cuore.

 

 

E quando quella musica raggiunge il Monte Olimpo,  gli Dei vogliono fare qualcosa...Ma cosa? 

 

Una notte Orfeo comincia a piangere così tanto che le sue lacrime diventano una cosa sola con il fiume; e lui, silenziosamente, si trascina giù nelle sue profondità.   

Le Erinni, le tre fanciulle con le loro trecce di serpenti, portano Euridice, che è ora di pietra per il dispiacere, in quello stesso luogo. La mettono nell’acqua dove lei affonda… Finalmente, i due amanti sono insieme...

 

Ancora oggi, in mezzo a quello stesso fiume, si possono ascoltare quelle magiche note accompagnate dagli usignoli che continuano a cantare in quello stesso luogo.