Documento senza titolo

The Tinder Box

L' acciarino Magico

 

    english flag.gif.png - 29.81 KB english flag.gif.png - 29.81 KB  The Tinder Box

Adapted from the story by

Hans Christian Andersen

Original drawings by DepaF

L'acciarino Magico

Adattato dalla storia di

Hans Christian Andersen

Disegni originali di DepaF

One day, a young soldier was marching home: Left… right! Left… right… along a dusty road when an ugly old witch jumped out!
soldier.jpg - 599.51 KB
 
 ‘Hey! You, ‘she shouted.  ‘Do you dream of having lots of money?’
‘Yes, one day, maybe,’ said the soldier.
‘Great! Fantastic! It’s easy she screamed.
 
‘Do you see that tree? It’s hollow; all you have to do is climb down into it. I’ll tie a rope round you and when you’re ready to come up, just shout and I’ll pull you up a rich man. She cackled.
 
‘What do I have to do when I am down there?’ he asked rather puzzled.
 
‘You will find a long passage and there are three rooms.
doors.jpg - 1005.03 KB
 
In the first there is a dog with eyes as big as teacups, he sits on a chest of copper coins. Don’t worry, just put my blue-checked apron on the floor and put him on to it. Open the chest and take as many coins as you want.
 
In the second room there is an angry dog with eyes as big as mill wheels sitting on a chest of silver coins, do the same, take what you want.
 
If you want gold, that is in the third room. The dog has eyes the size of round towers! She said with a wicked chuckle. Do the same, take what you want.’
 
‘Sounds easy enough,’ the soldier said. ‘And you, what is that you want?’
 
‘Oh me! Nothing, I don’t want coins,’ the witch said.
 
 ‘All I want is an old tinder box my grandmother left down there.’
 
‘You shall have it!’ cried the soldier disappearing into the tree.
 
On opening the first door, the soldier saw, as the witch had said, a dog with eyes as big as teacups sitting on top of an old chest. He put the dog on the witch’s apron and filled his pocket with copper coins.
 
 
In the second room, there was an angry dog with eyes as large as mill wheels sitting on a chest and he did exactly the same as before. This time throwing away the copper and filling his pockets with silver instead.
dog1.jpg - 1.09 MB
The fiercest dog of all was in the third room sitting on a huge chest. His eyes were as big as round towers and he needed all his courage and strength to lift him onto the witch’s apron. Then, throwing away the silver, he filled his pockets, his sack, his cap and even his boots with gold coins!
‘Wow! ‘He thought. ‘I’m rich!’
 
When he left the third room he remembered the witch’s tinder box.
 
He put it inside his tunic pocket and rushed along the passage shouting ‘Pull me up, witch!’ She pulled and pulled and
soon the soldier was standing on the road once more.
 
‘Where’s my tinder box?’ screeched the witch. ‘Give it to me!’
 
The soldier now feeling very brave after his mission shook his head. ‘First of all, a please might be nice… but tell me why you want it,’
‘None of your business!’ the witch screamed. ‘It’s mine!!’
 
‘No,’ shouted the soldier and losing his patience swiped her with his sword; and off he marched to town.
 
He was rich now, so he took a room at the very best inn. He ordered the best food and bought the best clothes. He now had friends who thought he was a fine gentleman.
 
richness.jpg - 682.86 KB
Then one day they told him about a beautiful princess living in a copper castle, surrounded by walls, towers and a moat.
 
 ‘Have you seen her?’ asked the soldier.
 
 ‘No one ever sees her! It was foretold that she would marry a common soldier and the king and queen didn’t like the idea, so they her locked away.
 
The soldier loved being rich and having lots of friends, he spent and spent, but soon there was no money left and soon his friends disappeared, too!
 
He had to move up to the little cold, dark room in the attic and it was there that he remembered the tinder box. He had seen a small piece of candle inside it, he took it out and as soon as he struck the flint, there was a spark and the door of his room flew open.
The dog with eyes as big as teacups rushed in.  ‘What does my master command?’ he said.
‘So this is why the witch wanted it,’ thought the solider. ‘Can you bring me some money!’ he asked.
 
 
 
In a flash the dog disappeared and immediately returned with a big bag of copper coins in his mouth.
 
The soldier soon found out what a magical tinder box this was! If he struck the flint once, the first dog would appear, twice and the dog from the chest of silver would appear. Three times and out ran the dog from the chest of gold. All three would do anything he wanted.
‘Make me rich again!’ he cried.
 
He moved back down into the best rooms, ordered the best food and bought the best clothes once more.
 
He had everything! But late one evening he sat thinking about the nprincess who was locked away in the castle.
 
Then, picking up the tinder box, he struck the flint and the first dog appeared before him.
 
‘I know it’s late but I would like to see the princess, just for a moment,’ the soldier said.
 
So the dog disappeared in a flash and immediately reappeared with the princess sleeping deeply on his back. She was so beautiful that the soldier kissed her.
 
He then ordered the dog to take her safely home.
 
The next morning at breakfast the princess told her father and mother, the king and queen, about a very strange dream she had: ‘I dreamt that a large dog had carried me away and then of a soldier who kissed me!’
 
‘Oh, how very nice said her mother’ and then later to her King she screamed: ‘What is this all about; we must try and found out! We must stop this nonsense, at once!’
 
So, she ordered one of her maids to watch over the princess the next night to see if it really had been a dream.
 
The next night, the soldier asked to see the princess again. He was now in love and the maid saw the dog take the princess to the inn, and with a piece of chalk she made a big cross on the door. ‘So we’ll be able to find it in the morning,’ she thought.
 
But the dog was clever, too.
Seeing the cross, he took a piece of chalk and made crosses on all the doors all over the town. When the king’s men arrived the next morning they didn’t know where to start.
doors x.jpg - 221.04 KB
 
 
Therefore, the next night the queen tied a silk bag filled with grains of sand around the princess’s waist. There was a tiny hole at the bottom so when the dog carried the princess off, the grains trickled out leaving a trail. The next morning, the king’s men arrived at the inn and threw the soldier into prison.
 
The morning after the young soldier heard the royal drums and he thought ‘I’m going to die and even my dogs can’t help me!’ He looked sadly out through the bars and suddenly felt some coins in his trouser pocket. At the same time a
shoemaker’s boy was hurrying past. ‘Stop!’ cried the soldier pulling out what he could find.
Wow! Some copper coins!
 
‘Hey! Please go to the inn and get my tinder box I’ve left in my room and these will be yours.’ The boy had never seen so much money and so he ran off to get it.
 
While the jailers were hustling him out to meet his fate; the young soldier asked if he could smoke his pipe for the last time. The King could not refuse.
 
So the solider took out his tinderbox struck the flint… one, two, three times. At once all three dogs appeared. ‘Help! ’ was the command.
 
The dogs were so fierce that the King’s men ran away, and the King and Queen too! They were never to be seen again.
The people cheered and shouted: ‘Little soldier! Marry our princess and you shall be our King!’
 
So the soldier married the princess, they were both very happy and their wedding feast lasted a week; and guess who were the most important guests?
 
Yes. The three dogs, of course!
 
Un giorno un giovane soldato stava marciando verso casa: Sinistra … destra! Sinistra … destra … lungo una strada polverosa quando saltò fuori una brutta, vecchia strega !
 
‘Ehi! Tu,’ gridò. ‘Sogni di avere molto denaro?’
 
‘Sì, un giorno, forse,’ disse il soldato.
 
‘Grandioso! Fantastico! E’ semplice strillò.
 
‘Vedi quell’albero? E’ cavo; tutto quello che devi fare è calarti dentro. Legherò una corda attorno a te e quando sarai pronto per salire, dovrai solo gridare e io ti risalirai ricco. Ridacchiò.
tree.jpg - 913.96 KB
‘Che cosa devo fare quando sono laggiù?’ chiese alquanto perplesso.

‘Troverai un lungo corridoio e là tre stanze.

Nella prima c’è un cane con gli occhi grandi come tazze da te, è seduto su una cassa di monete di rame. Non preoccuparti, devi solo mettere a terra il mio grembiule a quadretti blu e metterci sopra il cane. Apri la cassa e prendi quante monete vuoi.

dog2.jpg - 781.31 KB

 
Nella seconda stanza c’è un cane rabbioso con occhi grandi come pale da mulino seduto su una cassa di monete d’argento, fai come prima, e prendi ciò che vuoi.
 
 
Se vuoi oro, è nella terza stanza. Il cane ha occhi della grandezza di torri rotonde! Disse con una risatina maligna. Fai come prima, prendi ciò che vuoi.’
 
gold.jpg - 989.68 KB
 
‘Sembra piuttosto semplice,’ disse il soldato. ‘E tu, che cos’è che vuoi?’
 
‘Oh io! Niente, non voglio monete,’ disse la strega.
 
‘Tutto ciò che voglio è l’acciarino magico di mia nonna finito laggiù.’
 
‘Lo avrai! gridò il soldato scomparendo dentro l’ albero.
 
Aprendo la prima porta, il soldato vide, come aveva detto la strega, un cane con occhi grandi come tazze da tè seduto in cima a una vecchia cassa. Mise il cane sul grembiule della strega e si riempì le tasche con le monete di rame.
 
Nella seconda stanza, c’era un cane rabbioso con occhi larghi come pale da mulino seduto su una cassa e fece esattamente quello che aveva fatto prima. Questa volta gettò le monete di rame e, al posto di esse, si riempì le tasche con quelle d’argento.

Il cane più feroce di tutti era nella terza stanza seduto su una cassa enorme. I suoi occhi erano grandi quanto due torri rotonde e gli ci volle tutto il suo coraggio e la sua forza per metterlo sul grembiule della strega. Poi, gettando l’argento, si riempì le tasche, il suo sacco, il suo cappello e persino i suoi stivali con le monete d’oro!

‘Wow! ‘ Pensò. ‘Sono ricco!’
 
Quando lasciò la terza stanza si ricordò dell’acciarino della strega.
Lo mise dentro la tasca della sua giubba e si precipitò lungo il corridoio gridando ‘Tirami su, strega!’ Lei tirò e tirò e presto il soldato fu di nuovo sulla strada.
 
‘Dov’è il mio acciarino?’ strillò la strega. ‘Dammelo!’
 
Ora il soldato sentendosi molto coraggioso dopo la sua missione scosse la testa. ‘Prima di tutto, potrebbe essere gradito un per favore … ma dimmi perché lo vuoi.’
 
‘Non sono affari tuoi!’ strillò la strega. ‘E’ mio!!’
 
‘No,’ gridò il soldato e perdendo la pazienza la colpì con la spada; e andò via marciando verso la città.

Ora era ricco, così prese una stanza nella migliore locanda. Ordinò il cibo migliore e comprò i vestiti più belli. Adesso aveva amici che pensavano che fosse un signore.

Poi un giorno gli dissero che c’era una splendida principessa che viveva in un castello di rame, circondato da mura, torri e un fossato.
 
‘L’avete vista?’ chiese il soldato. ‘Nessuno l’ha mai vista! E’ stato predetto che avrebbe sposato un comune soldato e al re e alla regina non piaceva la cosa, così l’hanno rinchiusa.
 
Al soldato piaceva essere ricco e avere molti amici, spendeva e spandeva, ma presto non ci furono più soldi e anche i suoi amici scomparvero!
 
Dovette trasferirsi nella piccola e fredda stanza in solaio e fu là che si ricordò dell’acciarino. Vide dentro di esso un piccolo pezzo di candela, lo prese e non appena sfregò la pietrina, ci fu una scintilla e la porta della sua stanza si spalancò. Il cane con occhi grandi come tazze da tè entrò. ‘Che cosa comanda il mio padrone?’ disse.
 
‘Ecco perché la strega lo voleva,’ pensò il soldato. ‘Puoi portarmi del denaro!’ gli chiese .
 
Il cane scomparve in un lampo e tornò immediatamente con una grossa borsa di monete di rame in bocca.
 
dogmoney.jpg - 783.77 KB
 
Il soldato scoprì presto che acciarino magico fosse questo! Se accendeva la pietrina una volta, sarebbe apparso il primo cane, due volte e sarebbe apparso il cane della cassa d’ argento. Tre volte e correva fuori il cane della cassa dell’oro, Tutti e tre facevano tutto quello che lui voleva.
‘Fatemi di nuovo ricco!’ gridò.
 
Si trasferì di nuovo nelle stanze migliori,
ordinò il cibo migliore e comprò di nuovo i vestiti più belli.
 
Aveva tutto! Ma una sera tardi si sedette pensando alla principessa che era rinchiusa nel castello.
 
Poi, prendendo l’acciarino magico, sfregò la pietrina e il primo cane apparve di fronte a lui.
 
‘So che è tardi ma mi piacerebbe vedere la principessa, solo per un momento,’ disse il soldato.
 
Così il cane scomparve in un lampo per riapparire immediatamente con la principessa che dormiva profondamente sul suo dorso.
dogprin.jpg - 191.17 KB
Era così bella che il soldato la baciò.
Poi ordinò al cane di portarla a casa in salvo.
 
La mattina dopo a colazione la principessa raccontò a suo padre e a sua madre, il re e la regina, di uno strano sogno che aveva fatto: ’Ho sognato che un grosso cane e mi portava via e poi di un soldato che mi ha baciata!’
 
‘Oh, che cosa carina disse la madre’ e poi più tardi gridò al Re: ‘ Che cos’è questa storia, dobbiamo cercare di scoprirlo!’ Dobbiamo porre termine a queste assurdità immediatamente!’
 
Così, ordinò a una delle sue cameriere di tenere d’occhio la principessa la notte seguente per vedere se si era trattato veramente di un  sogno.  

La notte seguente , il soldato chiese di vedere di nuovo la principessa. Ora si era innamorato e la cameriera vide il cane prendere la principessa e portarla alla locanda, e con un pezzo di gesso fece una grossa croce sulla porta. ‘Così saremo in grado di trovarla al mattino,’ pensò.

 
Ma anche il cane era intelligente. Vedendo la croce, prese un pezzo di gesso e fece delle croci su tutte le altre porte della città. La mattina dopo, quando arrivarono gli uomini del re, non seppero da dove cominciare.
 
Perciò, la notte seguente la regina legò una borsa di seta riempita con granelli di sabbia intorno alla vita della principessa.
 
C’era un minuscolo buco  sul fondo così quando il cane portò via la principessa, i granelli scivolarono fuori lasciando una traccia.
 
flour.jpg - 327.55 KB
La mattina seguente, arrivarono gli uomini del re alla locanda e gettarono il soldato in prigione.
La mattina dopo il giovane soldato sentì i tamburi reali e pensò ‘Sto per morire e perfino i miei cani non possono aiutarmi!’ Guardò tristemente fuori attraverso le sbarre e improvvisamente sentì alcune monete nella tasca dei suoi pantaloni. Nello stesso istante, un giovane ciabattino stava correndo lì vicino. ‘Fermati!’ gridò il soldato tirando fuori quello che poteva trovare ‘.
 
Wow! Delle monete di rame! Hey! Perfavore vai alla locanda e prendi l’acciarino che ho lasciato nella mia stanza e queste saranno tue.’ Il ragazzo non aveva mai visto così tanto denaro perciò corse via a prenderlo.  Mentre i carcerieri lo spingevano fuori per incontrare il suo destino; il giovane soldato chiese se poteva fumare la sua pipa per l’ultima. Il Re non potè rifiutare. Così il soldato tirò fuori il suo acciarino e sfregò la pietrina … una, due, tre volte. Improvvisamente tutti e tre i cani apparvero. ‘Aiuto!’ fu l’ordine.
 
I cani erano così feroci che gli uomini del re scapparono e il Re e la Regina fecero altrettanto! Non si videro mai più.
La gente acclamava e gridava: ‘Piccolo soldato! Sposa la nostra principessa e sarai il nostro Re!
 
Così il soldato sposò la principessa, furono entrambi molto felici e la loro festa nuziale durò una settimana; e indovinate chi furono gli ospiti più importanti?
 
Sì. I tre cani, naturalmente!
wedding.jpg - 710.87 KB