Documento senza titolo

The Rime of the Ancient Mariner

La ballata del vecchio marinaio

 

english flag.gif.png - 29.81 KB

THE RIME OF THE ANCIENT MARINER   

by Samuel Taylor Coleridge

Adapted by BilingualStoryWorld 

italy_flag.gif - 6.27 KB

LA BALLATA DEL VECCHIO MARINAIO

di Samuel Taylor Coleridge

Adattato da BilingualStoryWorld 

Chapter one:

One day three young men were walking very quickly past the edge of a wood towards a small church, which overlooked a small bustling harbour where sailing  ships gently rocked from side to side almost in rhythm with the sound of the church bell.

They were chatting away when one of the young men saw an old sailor with a long grey beard sitting on a low stone wall. As they came closer he stood up and stumbled towards them grabbing hold of one of the young men with his skinny hand.

the wedding guest.jpeg - 14.26 KB

‘There…there was a ship…’ he began.

‘Take your hand off me!’ shouted the young man rudely. ‘Can’t you see that we are in a hurry? We’re going to a wedding, the bridegroom is waiting. We’re late! Let go!’ Shouted the young man trying to shrug him off. The mariner held tightly on.

‘There was a ship...’ the old mariner began again, fixing his watery blue eyes on the young man in such a way that he soon found himself being lead to the stone wall, and sitting down he waited for the old sailor to continue.

sailingship.jpeg - 7.14 KB

The old mariner began his tale. He described the day the ship left the cheering harbour, just below the church on the hill and as they sailed passed the lighthouse on the headland; the sun was coming up. It was a spectacular sight! Off they sailed southward with a good wind and fair weather till they reached the line. The line?’ questioned the young man. 

Yes! Yes, the equator answered the old sailor impatiently wanting to get on with his tale. ‘Every day the sun rose higher and higher...’ At that moment the wedding guest became a little impatient when he heard the loud sound of the church organ announcing the arrival of the bride and mumbled ‘I really must go, I… I…,’ Then looking again into those watery blue eyes something compelled him to stay and listen.

The old sailor continued picking up the story at the point where a strong storm carried the ship towards the South Pole with such force that the boat rocked from side to side, up and down through the waves heading southward until they met mist and snow and ice as high as the mast itself.

He paused for breath and frighteningly said: ‘We found ourselves trapped between ice and snow, among terrible sounds of cracking and growling all around.

shipinantartica.jpeg - 17.33 KB

It was then we saw a great sea bird flying through the fog, an albatross it was. We were all so pleased to see it that we gave it food. Food that it had never tasted before and it flew round and round the ship. Then a very strange thing happened! The ice began to split in a thunderous roar and of  we sailed, through those terrible foggy and icy waters.

 

The Albatross followed us. It came every day for food or to play and even when we called it by its name. It sat on the mast or on one of the ropes whatever the weather, mist, fog or rain’ Then, the old sailor paused and the wedding-guest cried out ‘What is it? What on earth is it? looking at his face.

‘I shot it! Yes, I shot it with my crossbow, I shot the albatross!’  

Chapter two:

The mariner’s voice became slower and sadder as he continued his tale.

‘The next  morning the sun rose hiding in the mist. A good south wind still blew behind the ship, but the only thing that was missing was the good sweet bird, it didn’t come for food or to play anymore! I had done a terrible thing! My shipmates shouted at me in anger for killing the bird that had brought us good luck, the bird that had brought us wind.

the crew.jpeg - 8.26 KB

The sun shone the next day, a burst of light and high above us and all my mates cried with joy ‘Yes, you were right, that bird just brought fog and mist. Yes, you were right!’ they cried, and then there was a breeze which carried the ship northwards to the Pacific Ocean, to the line on a white foamy sea!

Then, just as suddenly as it had arrived, the breeze dropped, the sails dropped and we were sad once again. It was hot; the sun was high above the mast at midday. Day after day we remained still.

A motionless ship upon a motionless sea, just as if we were in a painting! Yes, yes dear wedding-guest’, sighed the ancient mariner. ‘It was here, I think that the Albatross took revenge.

We were surrounded by water. Water everywhere but not a drop to drink! We were parched. The rot set in, the boards on the ship shrank and grovelling sea creatures crawled out upon their legs from the slimy green oily sea! You see, a spirit had followed us.’ The young listener at this point was spellbound. ‘Some said it was the spirit from the land of mist and snow, which could be found nine fathoms deep!

mariners.jpeg - 12.60 KB

Well, we all began to suffer from thirst and it hurt to talk as our mouths were so parched, as if we had been burnt, and my shipmates both young and old started to look at me accusingly. It was my fault that we were cursed, and my cross to bear was that Albatross which they hung around my neck. 

Chapter three:

We were feeling so thirsty and tired when we saw something in the sky. As it came nearer and nearer it seemed to take on the form of a ship. The sailors tried to shout for joy thinking they were going to be saved, then, they noticed that it was sailing eerily towards them without wind or tide.

We were suddenly blinded by a very bright red light, the sun was setting and there before our very eyes was a skeleton ship! 

There were two on board, a ghostly woman, with translucent white skin, red lips and golden yellow hair. Oh what a nightmare! Life-in-death. And then death itself. They were playing a game of dice. We saw Life-in-death win three times in a row and it claimed me! Death took the crew!

With the rising moon the members of the crew began to groan, and looking towards me, cursed me with their eyes. They were slowling dying one by one... all two hundred of them.

Life-in-death began her work and when my shipmates’ souls left their bodies, they passed me close by echoing the very sound of a cross-bow! The one that I used to kill the albatross.’      

marinersdesperation.jpeg - 11.39 KB

Chapter four:

At this point the wedding-guest found courage to interrupt. ‘Who are you? A sea spirit, too? The ancient assured him that he was alive and real and not a spirit at all, and continued...

‘I was all alone at sea and not even a saint took pity upon me. I hated the dead men, as they had been put out of their misery. I looked at the sea and at the rotting deck, I looked to heaven and tried to pray, it was difficult, so I kept my eyes closed, but on opening them I saw the dead and I re-lived it all again. I still felt their curse upon me.

I was so lonely and all I could do was to continue to look up at the sky and at the moon, wishing myself to be up there; for seven whole days and seven whole nights willing death looking at the stars.

Time passed... then one day, I found I wasn’t alone, I saw water snakes in the shadow of the ship. I admired their colours and blessed them with all my heart and it was at that moment the albatross fell from my neck and sank into the sea like a piece of lead.  

Chapter five:

I fell into a deep peaceful sleep. Then the rain came, Oh what relief! I had been blessed, I felt so light that I thought I had become a ghost. I felt the ship began to move. The spell had been broken!

Angelic spirits entered the bodies of the crew and made the ship move. It was those lifeless bodies that were helping me. Yes, even that of my brother’s son.’

angels2.jpeg - 7.76 KB

The wedding guest interrupted once again: ‘I feel... I think I really must go.’ The eyes of the mariner silenced him and assured him: ‘the bodies that had been in pain were now blessed. Then one June day at noon I heard a gentle tune. The spirit from the South Pole, who loved the land of mist and snow,  decided to reach the line; and it was there where I was thrown onto ... I hit my head and passed out.

I don’t know how long I lay there, but I heard voices. Fellow demons, the invisible habitants of the elements, deciding my fate.  

Chapter six:

The first voice asked who was controlling the ocean. The second voice replied that the mariner was still in God’s hands, as he continued to look up at the moon; and it was in fact the moon that looked graciously down on him, guiding him on.

The first voice wanted to know why the ship was moving so fast, without wave or wind. The second voice responded that the mariner was in a trance and the ship was being sailed northward by an angelic spirit.

 

Then  the supernatural motion slowed down causing the old sailor to wake up, and so his penance would begin once again.

‘When I came to, it was night, the sea was calm and there was a high moon in the sky but the men werestill there looking down at me, still cursing me. I was transfixed, my eyes caught by theirs, I couldn’t even look away to the sky, to pray.

 

The spell had broken once again and I could see the green ocean stretching out in front of me, but I feared what was behind.  The wind started up and soon the ship was sailing homewards. I saw land, a lighthouse, a hill, and then the church!

The boat drifted into the harbour and I prayed and prayed that I was alive!

It was then the white and silent angelic spirits left the dead bodies of the crew, rising in different shapes, shadowy and even crimson. I saw angels leaving their lifeless bodies waving their hands. Oh, it was such a lovely sight! I heard oars and a man called out, a boat appeared. I couldn’t believe it!  

thepilot.jpeg - 11.65 KB

 

Chapter seven:

The hermit of the wood, who loved to talk to the mariners that came from every part, was the one who jumped into the harbour’s small boat with the pilot when they saw those strange lights signalling for help.

As they approached the wreck from which strange noises came, their little boat suddenly spun round it was followed by a heavy thud, water and a terrible cry. They found the mariner in their boat. He had grabbed the oars. The young pilot cried out: ‘The Devil itself knows how to row!’ Back on land and the hermit could hardly stand.

 ‘Absolve me! Absolve me! Holy man!’ I cried as I had heard that he sang hymns of joy and prayed morning and night and he could only  absolve me of my sins and wash away the blood of the albatross.

The hermit asked the old sailor to confess and in agony the mariner began his tale, his penance.  So wherever the old mariner is, and if his agony returns, he has to tell his tale, which burns inside him.

theancientmariner.jpeg - 19.87 KB

 

Chapter eight:

Loud music bursts from the door of the little church. The wedding is  over, the mariner’s tale finished. The wedding-guest gets up and thanks the mariner, they pray together and then say goodbye. The mariner adds: ‘it is through this experience that I have learnt to love and respect all of God’s works; man, bird and beast, both great and small. I love them just as God loved them when he made them all.

 

 

The grey bearded mariner left the wedding-guest who never went to that wedding, who sadly walked away, rising a wiser and better man the next morning. 

 

Capitolo primo:

Un giorno tre giovani uomini stavano passeggiando in frettolosamente accanto a un bosco in direzione di una piccola chiesa, che dava su un  piccolo porto animato dove velieri dondolavano dolcemente da un lato all’altro quasi in sincronia  con il suono della campana della chiesa.

Stavano chiacchierando quando uno dei giovani uomini vide un vecchio marinaio con una lunga barba grigia seduto su muro basso di pietra. Quando si avvicinarono lui si alzò in piedi e inciampò verso di loro afferrando uno dei giovani uomini con la sua mano scheletrica.

‘C’era … c’era una nave ...’’cominciò.

‘ Togli la tua mano da me!’ gridò il giovane uomo sgarbatamente. ‘Non vedi che abbiamo fretta? Stiamo andando a un matrimonio, lo sposo sta aspettando.

Siamo in ritardo ! Andiamo!’.

Gridò il giovane uomo cercando di toglierselo di dosso. Il marinaio si tenne saldamente.

‘C’era una nave ...’ cominciò di nuovo il vecchio marinaio, fissando i suoi lacrimosi occhi blu sul giovane uomo in modo che questi si trovò presto appoggiato al muro di pietra, e  sedendosi aspettò che il vecchio marinaio continuasse.

mariner-_.jpeg - 14.13 KB

 

Il vecchio marinaio cominciò il suo racconto. Descrisse il giorno che la nave lasciò il porto acclamante, proprio sotto la chiesa sulla collina e mentre salpavano, passato il faro sul promontorio; il sole stava tramontando. Era una vista spettacolare! Al largo navigarono verso sud con il vento a favore e un bel tempo fino a che raggiunsero l’orizzonte. L’orizzonte? Chiese il giovane uomo. 

Si! Si, l’equatore rispose il  vecchio marinaio con impazienza, volendo continuare con il suo racconto. ‘Ogni giorno il sole sorgeva sempre più alto …’ Sul momento l’invitato alle nozze divenne un po’ impaziente quando sentì il forte suono dell’ organo della chiesa che annunciava l’arrivo della sposa e borbottò ‘Devo lacrimosiveramente andare, io … io …,’ Poi guardando nuovamente  in quegli occhi blu, qualcosa  lo costrinse a restare e ad ascoltare. 

Il vecchio marinaio continuò riprendendo la storia dal punto dove una forte tempesta aveva trasportato la nave verso il Polo Sud con una tale forza che l’imbarcazione ondeggiava da una parte all’altra, su e giù attraverso le onde puntando verso sud fino a che non trovarono foschia e neve e ghiaccio alto tanto quanto lo stesso albero maestro.

rottingsea.jpeg - 12.06 KB

Si fermò per prendere respiro e disse spaventato: ‘Ci trovammo intrappolati tra il ghiaccio e la neve, tra terribili rumori scricchiolii e brontolii tutto intorno.

Fu allora che vedemmo un grosso uccello marino che volava attraverso la nebbia, era un albatros. Eravamo tutti talmente contenti di vederlo che gli demmo del cibo. Cibo che non aveva  mai gustato prima e lui volò tutto intorno alla nave. Poi accadde una cosa  molto strana! Il ghiaccio cominciò a dividersi con un assordante frastuono e salpammo, attraverso quelle terribili acque nebbiose e ghiacciate.  

 

 

L’ Albatros ci seguì. Venne ogni giorno per il cibo o per giocare e persino quando lo chiamavamo per nome. Si sedeva sull’albero maestro o su una delle funi, con qualsiasi tempo., foschia, nebbia o pioggia.’ Poi, il vecchio marinaio si fermò e l’invitato alle nozze gridò: ‘Che cosa hai? Che cosa diavolo hai? guardandogli la faccia.

’L’ ho colpito! Sì, l’ho  colpito con la mia balestra, ho colpito l’albatros!                                                                  

Secondo capitolo:

La voce del marinaio divenne più lenta e più triste mentre continuava il suo racconto.  

‘La mattina seguente il sole sorse nascondendosi tra la foschia. Un buon vento del sud soffiò dietro la nave,  ma l’unica cosa mancante era il buon, dolce uccello, non venne più né per il cibo né per giocare! Avevo fatto una cosa tremenda! I miei compagni di bordo mi gridarono arrabbiati per aver ucciso l’uccello che ci aveva portato buona fortuna, l’uccello che ci aveva portato il vento.

Il giorno seguente il sole brillò, un esplosione di luce alta sopra di noi e tutti i miei compagni gridarono con gioia ‘Sì, avevi ragione, l’uccello ci aveva portato nebbia e foschia. Sì, avevi ragione!’ gridarono, e poi ci fu una brezza che portò la nave verso nord verso l’Oceano Pacifico, sulla linea dell’orizzonte su un mare bianco e schiumoso!

Poi, proprio come era arrivata improvvisamente, la brezza scese, le vele calarono e noi fummo di nuovo tristi. Faceva molto caldo, il sole a mezzogiorno era alto sopra l’albero maestro. Giorno dopo giorno rimanemmo immobili.

Una nave immobile sopra un mare immobile, come se fossimo in un dipinto! Sì, sì caro invitato di nozze’,  sospirò il vecchio marinaio.’ Fu qui, penso che l’Albatros si prese la sua vendetta.

the albatross.jpeg - 10.66 KB

Eravamo circondati dall’acqua. Acqua dovunque ma non una goccia da bere! Morivano di sete. Le cose cominciarono a guastarsi, le assi sulla nave si ritirarono e striscianti creature marine strisciarono fuori sulle loro gambe dal viscido e oleoso mare verde! Capite, uno spirito ci aveva seguito.’ A questo punto il giovane ascoltatore rimase incantato. ‘Qualcuno disse che era lo spirito della terra della foschia e della neve, che si poteva trovare a una profondità di nove fathom!

Bene, cominciammo tutti a soffrire  la sete e ci faceva male parlare perché le nostre bocche erano arse, come se fossimo stati bruciati, e i miei compagni di bordo sia giovani che vecchi cominciarono a guardarmi in tono d’accusa. Era stata colpa mia se eravamo stati maledetti, e la mia croce da portare era quell’Albatros che avevano appeso attorno al mio collo. 

 

Capitolo tre:

Ci sentivamo così assetati e stanchi quando vedemmo qualcosa nel cielo. Più si avvicinava più sembrava prendere la forma di una nave. I marinai cercarono di gridare dalla gioia pensando che stessero per essere salvati, poi, notarono che stava navigando in modo sinistro verso di loro senza vento o marea.

Improvvisamente fummo accecati da una luce rossa luminosissima, il sole stava tramontando e là davanti ai nostri occhi c’era una nave fantasma!

Erano in due a bordo, il fantasma di una donna con una pelle bianca semitrasparente, labbra rosse e capelli giallo oro. Oh che incubo! La vita nella morte. E poi la morte stessa. Stavano giocando una partita a dadi. Vedemmo la vita e la morte vincere tre volte a fila e si rimpossessava di me ! La morte prese l’equipaggio!

lifeindeath.jpeg - 13.99 KB

Con la luna crescente i membri dell’equipaggio cominciarono a lamentarsi, e guardando verso di me, mi maledirono con i loro occhi. Stavano morendo lentamente uno dopo l’altro … tutti e duecento. La vita e la morte iniziò il suo lavoro e quando le anime dei miei compagni di bordo lasciarono i loro corpi, mi passarono accanto facendo eco  al suono  di una balestra! Quella che avevo usato per uccidere l’albatros! 

Quarto capitolo:

A questo punto l’invitato di nozze trovò il coraggio di interromperlo. ‘Chi sei tu? Sei anche tu uno spirito del mare? Il vecchio lo rassicurò che era vivo e reale e niente affatto uno spirito, e continuò …

‘Ero tutto solo in mare nemmeno un santo provava pietà per me. Odiavo gli uomini morti, perché avevano messo fine alla loro sofferenza. Guardavo il mare e il ponte in rovina, guardavo il cielo e cercavo di pregare, era difficile, così tenni gli occhi chiusi, ma aprendoli vidi i morti e rivissi tutto di nuovo. Sentii ancora la loro maledizione su di me. Ero così solo e tutto quello che potei fare fu guardare in alto il cielo e la luna, desiderando di essere lassù, per sette interi giorni e sette intere notti pronto a morire guardando le stelle.

Il tempo passava … poi un giorno, capì che non ero solo, vidi i serpenti d’acqua sull’ombra della nave. Ammirai i loro colori e li benedii con tutto il mio cuore e fu proprio in quel momento che l’albatros cadde dal mio collo e affondò nel mare come un pezzo di piombo. 

mariner watersnakes.jpeg - 8.45 KB

Quinto capitolo:  

Caddi in un sonno profondo e pacificante. Poi venne la pioggia, Oh che sollievo! Ero stato benedetto, mi sentivo così leggero che pensavo di essere diventato un fantasma. Sentii la nave che cominciava a muoversi. L’incantesimo si era rotto!

Spiriti angelici entrarono nei corpi dell’equipaggio  e fecero muovere la nave. Erano quei corpi senza vita che mi stavano aiutando. Si, persino quello del figlio di mio fratello.'

 

L’invitato alle nozze interruppe di nuovo: ‘Sento … penso di dover davvero andare.’ Gli occhi del marinaio lo azzittirono e lo rassicurarono: ‘i corpi che avevano sofferto ora erano benedetti. Poi un giorno di Giugno a mezzogiorno sentii una dolce melodia. Lo spirito del Polo Sud, che amava la terra della foschia e della neve, aveva deciso raggiungere la linea dell’orizzonte; e fu qui che venni scaraventato … battei la testa e svenni.

 

Non so per quanto tempo stetti là, ma sentii delle voci. Strani demoni, gli invisibili abitanti degli elementi, stavano decidendo il mio destino.  

 

Sesto Capitolo:

La prima voce chiese chi stava controllando l’oceano. La seconda voce rispose che il marinaio era ancora nelle mani di Dio ,mentre continuava a guardare la luna ;ed era infatti la luna che con grazia guardava giù, accompagnandolo.

La prima voce volle sapere perché la nave si stava muovendo così velocemente, senza onde o venti. La seconda voce rispose che il marinaio era in trance e che  la nave era stata portata verso nord da uno spirito angelico .

mariner two voices.jpeg - 6.46 KB

Poi il movimento soprannaturale rallentò facendo svegliare il vecchio marinaio, e così la sua punizione sarebbe iniziata ancora una volta.

‘Quando ripresi conoscenza , era notte, il mare era calmo e c’era una luna alta nel cielo ma gli uomini stavano ancora guardandomi giù, ancora maledicendomi.

Ero pietrificato, i miei occhi attirati dai loro, non potevo nemmeno guardare il cielo, pregare.

L’incantesimo era stato rotto ancora una volta e potevo vedere l’oceano verde distendersi di fronte a me, ma temevo ciò che era dietro. Il vento iniziò ad alzarsi e presto la nave si dirigeva verso casa. Vidi la terra, un faro, una collina, e poi la chiesa!

La barca si lasciò condurre in porto e io pregai e pregai di essere vivo!

Fu allora che i bianchi e silenziosi e spiriti angelici lasciarono i corpi senza vita dell’equipaggio, sollevandosi in forme differenti, indistinte e persino di un rosso vivo. Vidi angeli lasciare i loro corpi senza vita salutando. Oh, era una visione così piacevole! Sentii remare e un uomo gridare, apparve una barca. Non potevo crederci! 

marinerangels.jpeg - 6.47 KB

Settimo Capitolo:

L’eremita del bosco, che amava parlare con i marinai che venivano da ogni parte, fu quello che saltò dentro la piccola barca del porto con il pilota quando videro quelle strane luci che segnalavano la richiesta di aiuto.

Mentre si avvicinavano al relitto da cui provenivano strani rumori, la loro piccola barca improvvisamente girò in tondo, poi seguì un tonfo pesante, acqua e un grido terribile. Trovarono il marinaio nella loro barca. Lui aveva afferrato i remi. Il giovane pilota gridò: ‘Il Diavolo in persona sa come remare!’ Verso la terraferma e l’eremita riusciva a malapena a stare in piedi.

therescue3.jpeg - 18.70 KB

‘Assolvimi! Assolvimi! Sant’uomo!’ gridai quando sentii che cantava inni di gioia e pregava giorno e notte e poteva solo assolvermi dai miei peccati e lavare via il sangue dell’albatros.

L’eremita chiese al vecchio marinaio di confessare e il marinaio in agonia iniziò il suo racconto, la sua punizione. Così, dovunque sia il vecchio marinaio, e se la sua agonia ritornasse, deve raccontare la sua storia, che brucia dentro di lui.

Ottavo capitolo:

Della musica molto alta irrompe dalla porta della piccola chiesa. Il matrimonio è terminato, e il racconto del marinaio è finito. L’invitato alle nozze si alza e ringrazia il marinaio, pregano insieme e poi si salutano. Il marinaio aggiunge: ‘è attraverso questa esperienza che ho imparato ad amare e rispettare tutte le opere di Dio; uomini, uccelli e bestie, sia grandi che piccoli. Li amo proprio come li amava Dio quando li ha fatti tutti.

themarinerandtheguest.jpeg - 16.36 KB

Il marinaio dalla barba grigia lasciò l’invitato alle nozze che non andò mai a quel matrimonio, che tristemente si allontanò, rinascendo, la mattina dopo, un uomo più saggio e migliore.