Documento senza titolo

The Haunted Dolls’ House

La casa stregata delle bambole

 

 

The Haunted Dolls’ House 

by M R James                 

adapted by Bilingual StoryWorld

 

La casa stregata delle bambole

di M R James

adattato da Bilingual StoryWorld

Mr Dillet, an elegant middle aged man, and a collector of old and interesting things and he often visits his friend, Mr Chittedon, who owns an antique shop.

On one of his visits something catches his eye. ‘Oh! How beautiful!’ exclaims Mr Dillet.

‘Yes, a museum piece and I already have an American client interested,’ replies his friend.

 

Mr Dillet continues to admire the dolls’ house. It’s mysterious facade and interior, each room impeccably furnished, with gilt mirrors

and paintings hanging in the living-room and even the beds complete with sheets and covers.

 

 

‘Yes’, he thinks to himself, ‘I must have it,’ and he starts to discuss the price with his friend and  notes that he looks rather pale and quite ill.

They come to an agreement and Mr Dillet is now the proud owner of the dolls’ house.

 

Half an hour later, he and his chauffeur are driving away with his purchase carefully placed on the front seat of his car.

 

 

Meanwhile, Mr Chittedon is standing at the door of his shop looking at the cheque he is holding in his hand and thinks: ‘At last it has a new owner.’ He turns and walks through his shop to a little room at the back where his wife is making tea.

 

 

‘Thank Goodness!’ says Mr Chittedon pouring himself a cup of tea. 

‘Is Mr Dillet the buyer?’

‘Yes, he is.’

‘Well, he's in for a surprise.’

‘Anyway, at least, it's no longer here.’ Mr Chittedon says with a sigh of relief.

 

 

When Mr. Dillet’ s car stops in front of his  house, his butler immediately appears. ‘Handle it with great care!’ Mr Dillet instructs him.

 

 

The butler coughs and says: ‘Yes, sir, but where is this object to go?’ Mr Dillet answers: ‘In my room of course. Yes, on the big round table next to my bed, I think.’

 

On unpacking the dolls' house he sees that it is six feet long and to his surprise, there is a chapel, stables, complete with groom and horses. He admires the Gothic tower, with its bell and stained glass and its pointed arched windows. 

 

On opening the front of the house he then spends a wonderful hour putting the contents of the rooms into order, thinking: ‘What a perfect specimen  I have, a treasure amongst my treasures.’

 

He still can’t believe his luck and, before going downstairs to dinner, he quickly takes out and inspects the model figures:a gentleman in a brown suit, a lady in a long silk dress, two children, a boy and a girl.

A cook, a nurse and other numerous servants and, last of all, an old gentleman with white hair in a long night-dress. 

Mr. Dillet looks at his watch ‘Yes, it’s dinner-time, but I have five minutes to put them into place.’

The lady, together with the children go into the sitting-room, the gentleman into the dining-room, the servants into the kitchen and stables, and the old man into the big bed upstairs.

Mr Dillet loves to sleep surrounded by his precious pieces, he loves to lay back admiring them in the morning sunlight or in the golden evening light. His other treasures include his big four poster bed, an elegant French writing bureau, silver photo frames, crystal glass, old paintings and interesting pieces of furniture.

Mr Dillet goes to sleep a happy man.

But a very surprised Mr Dillet wakes four hours later to the sound of a sinister bell. He is blinded by a strong light coming from the dolls’ house. Illuminating it in a way, that he can see every single detail. The big brass knocker on the front door, and even the curtains blowing in the wind from one of the open windows.

What is so strange is that it doesn’t have four rooms, as before, but as many as in a real house and a lovely staircase connecting upstairs to downstairs;

and instead of a wall full of pictures, there is a deep blue sky full of stars! Bringing to mind the month of September.

On looking closer he sees that the dining table is laid. The man and the woman are sitting there talking.  

Now and again they stop to listen, and then the man goes to the window, opens it and puts his head out, returns to say something and then leaves the room.

The woman looks frightened.

Mr Dillet looks up to the next floor, to the bedroom with a four poster bed where the old man is sitting up awake and a nurse is sleeping in an armchair near the fire.

 

 

The bedroom door opens and a woman enters, she is carrying a candle and a wine bottle and she goes to wake the nurse.

 

The short, rather fat, nurse, then pours some wine into a silver saucepan, adds some spice and sugar and warms it on the fire.

 

Meanwhile, the woman goes to the old man in the bed, feels his pulse and looks a little worried. The grey-haired man points to the window and she nods and goes to open it, and puts her head out and listens.  

 

After a few minutes she closes it and looking at the old man, she shakes her head. The nurse then pours the content of the saucepan into a silver bowl and takes it to the man in the bed, but he doesn’t seem to want it, however he finally drinks it and then lays down to sleep.

 

The lady leaves and the nurse returns to her chair.

 

Mr Dillet is sitting up in bed now and he isn’t sure if he is dreaming. ‘No, I’m quite awake and I feel the first act is over.’ He thinks to himself looking around.

 

A terrible cry, draws his  attention back into the bedroom, and horrified he watches the old man, who is now very pale and almost white, sit up with his hands on his heart.

 

The nurse is running towards him but then decides to run to the door, opens it and screams for help and rushes back to the bed. Meanwhile, the lady in blue and her husband, together with a couple of servants, enter the room; they cannot do anything but watch the agony reflected on the old man’s face.

 

A few minutes later Mr Dillet sees  a coach and horses arrive and a man with a white wig gets out with a square box under his arm.

 

 

 

 

 

The lady in the long silk dress and her husband are waiting at the door to take him into the sitting room where the man takes out several documents.  

 

The lady and her husband talk with this stranger for several minutes who then leaves, but before all the lights go out again Mr Dillet notices a rather unpleasant smile on the husband’s face.

 

He thinks there must be a continuation and isn’t surprised when a light goes on in the chapel: ‘the old man must be in there,’ he thinks and before it goes out he sees a candle fall onto the coffin.

 

 

Another light goes on at the top of the house where the young boy and girl are in bed. The mother and father are also there wearing black clothes.

Mr Dillet notices that they are not

sad, but that they are laughing and talking.

The father suddenly picks up

a white sheet and walks out of the room. The next minute he is back with it over his head pretending to be a ghost.

The children cry in terror and it takes quite a time before their parents can calm them down.

They leave the room and the lights go out again. ‘Oh well, that must be it’ Mr Dillet thinks ready to go to sleep now, when a new sort of light appears, not a lamp or a candle, but a pale ugly light behind the door.

 

 

 

Mr Dillet is so frightened that even today he doesn’t want to talk, or even think about it, but he still remembers the horrible thing that enters the room very clearly; frog-like, the size of a man with strange white hair moving towards the beds... then screaming; people rushing about crying and then, the sound of the bell chiming one o’clock, then a sinister darkness.

 

 

A strange light lit up the front door, dark figures are silently carrying one and then another small coffin down the steps. A deathly silence follows.

 

 

Mr Dillet never closed his eyes that night.  When the first rays of sunlight entered his room he noticed them ironically illuminating the dolls’ house. At a decent hour, Mr Dillet called his doctor.

‘A week by the sea’ recommends the doctor.

Mr Dillet agrees immediately... anywhere away from  his bedroom and the silent dolls’ house! He makes arrangements, but before leaving he gives orders to his butler: ‘Pack the dolls’ house immediately, now in daylight and put it in the room above the stables! Don’t touch it until you receive further orders!’

The next morning on a cold grey beach, the first person he meets, which he thinks is very strange, is his friend the antique dealer, Mr Chittenden, who nervously says: ‘Well, hello. How are you Mr Dillet?’

 

To which Mr Dillet quickly replies: ‘Fine thank you, only a little problem of nerves, nothing some fresh sea air can’t cure!’

 

 

‘Yes, my wife and I have a similar problem; I must tell you that only an American client can be the answer to our problems at the moment. Yes, believe me, I’m so sorry. Yes, every night the same thing and that day you…

 

Yes, my wife was so happy to say goodbye to it, and now we are here, too.

Yes, they say the sea air is good for nerves. Now, Mr Dillet I want to give you your money back. Yes, all of it, except £ 10.00 ’ Mr Dillet interrupts and says: ‘My dear friend, can you tell me something about it? Its story? Where does it come from?

‘Well, I am not sure except that it comes from an old house not far from here actually. But tell me Mr Dillet who do you think the man is that comes to the house by carriage, a doctor or a lawyer? My wife thinks it is a lawyer. What do you think?’

‘Yes, the box and the documents gave me the same idea. Perhaps with a will to sign. Maybe leaving it to the children? What do you say?’

‘Well, one thing I know is that I don’t want any more dolls’ houses in my shop, and what do you think? Did they poison the granddad? Well, my motto is – Live and Let Live – and it isn’t a bad one I think.’

 

After their conversation Mr Dillet is feeling a little better, but still very curious about the dolls’ house he wants an answer to a problem that is still worrying him, and therefore decides to go to the local library to look through some old publications.

There was nothing. No prints of the house. Then on walking into a deserted room in the library he saw an old, dusty model of a church in a glass case presented by a Mr Merewether from Ilbridge House.

He was sure this name was important. He found the house on an old map and checked the church registers and saw that a Mr Roger Milford, aged 76 was buried on the 11thSeptember 1757 and of Roger and Elizabeth Merewether, aged 9 and 7 who died on the 12th of the same month and soon after their mother, Elizabeth, daughter of Mr Roger Milford  too.

Her husband, a Mr James Merewether, without his wife lived elegantly on, without any financial problems whatsoever. 

 

 

Il Sig. Dillet, un elegante uomo di mezza età, è un collezionista di cose vecchie e interessanti e spesso fa visita al suo amico, Il Sig. Chittedon, che possiede un negozio d’antiquariato.

In una delle sue visite qualcosa attira la sua attenzione. ‘Oh! Che meraviglia!’ esclama il Sig. Dillet.

‘Sì, un pezzo da museo e ho già un cliente americano che è interessato,’ risponde il suo amico.

Il Sig. Dillet continua a ammirare la casa delle bambole. La sua misteriosa facciata e il suo interno, ogni stanza impeccabilmente fornita, con specchi dorati e dipinti appesi nel salotto e persino i letti completi di lenzuola e coperte.

‘Sì', pensa tra sé e sé, ‘Devo averla,’ e comincia a discutere il prezzo con il suo amico e, si accorge che lui sembra alquanto pallido e ammalato.

Giungono a un accordo e il Sig. Dillet  è ora l’orgoglioso proprietario della casa delle bambole.

Mezz’ora più tardi, lui e il suo autista si stanno allontanando con il suo acquisto appoggiato accuratamente sul sedile anteriore dell’auto.

Nel frattempo, il Sig. Chittedon sta sulla porta del suo negozio rimirando l’assegno che tiene tra le mani e pensa: ‘Finalmente ha un nuovo proprietario.’ Si gira e  si dirige nel suo negozio verso una piccola stanza sul retro dove sua moglie sta preparando del te. ‘Grazie a Dio!’ dice il Sig. Chittedon versandosi una tazza di te. 

‘E’ il Sig. Dillet il compratore?’

‘Sì, è lui.’ 'Bene, avrà una sorpresa.’

‘ Comunque, alla fine, non è più qui.’ Dice il Sig. Chittedon con un sospiro di sollievo.

Quando la macchina del Sig. Dillet si ferma di fronte alla sua casa, appare immediatamente il maggiordomo.

‘Maneggiala con la massima cura!’ gli ordina il Sig. Dillet.

Il maggiordomo tossisce e dice:’Sì, signore, ma dove deve andare questo oggetto?’ Il Sig. Dillet risponde: ‘Nella mia camera naturalmente. Sì, sul grande tavolo rotondo accanto al mio letto, penso.'

Nello sballare la casa delle bambole nota che è lunga sei piedi e che, con sua sorpresa, c’è una cappella, delle stalle, complete di stalliere e cavalli. Ammira la torre Gotica, con la sua campana e la sua vetrata colorata e sue le finestre ad arco che sono sagomate a punta.

Aprendo la facciata della casa passa un ora meravigliosa mettendo in ordine gli oggetti delle stanze, pensando: 'Che modellino perfetto possiedo, un tesoro tra i miei tesori.’

 

 

Non può ancora credere alla fortuna che ha avuto e, prima di scendere di sotto per la cena,  prende e controlla velocemente i  personaggi: un signore in vestito marrone, una signora con un lungo abito di seta, due bambini, un maschio e una femmina.

 

 

 

 

Un cuoco, un’infermiera e altri numerosi domestici e, in un ultimo, un vecchio signore con i capelli bianchi che con una lunga camicia da notte. 

 

 

Il Sig. Dillet guarda il suo orologio ‘Sì, è ora di cena, ma ho cinque minuti per metterli a posto.’

 

La signora, insieme con i bambini vanno in salotto, il signore nella sala da pranzo, i domestici in cucina e nelle stalle, e il vecchio signore nel grande letto al piano superiore.

 

 

Il signor Dillet adora dormire circondato dai suoi pezzi preziosi, ama sdraiarsi ammirandoli alla luce del sole del mattino o alla luce dorata della sera. I suoi altri tesori comprendono il suo grande letto a baldacchino, un elegante scrittoio francese, delle cornici in argento, della cristalleria, vecchi dipinti e dei mobili particolari.

Il signor Dillet va a dormire felice.

Ma con grande sorpresa il Signor Dillet si sveglia quattro ore più tardi al suono sinistro di una campana. E’ accecato da una luce forte che proviene dalla casa delle bambole. Illuminandola in modo che lui può vedere ogni singolo dettaglio. Il grande batacchio di ottone della porta principale, e persino le tende che svolazzano al vento di una delle finestre aperte.

Quello che sembra strano è che non ha quattro stanze come prima, ma tante quante in una vera casa e una bella scala che collega il piano superiore a quello inferiore; e invece di una parete piena di quadri, c’è un cielo di un blu intenso pieno di stelle!

Da fa ricordare il mese di settembre.

 

Guardando più da vicino vede che la tavola da pranzo  è apparecchiata. L’uomo e la donna sono seduti lì e stanno parlando.  

 

Ogni tanto si fermano ad ascoltare, poi l’uomo va alla finestra, la apre e mette fuori la testa, rientra e dice qualcosa e poi lascia la stanza.

La donna sembra spaventata.

 

Il Sig. Dillet guarda il piano superiore, nella stanza con il letto a baldacchino dove il vecchio signore è seduto sveglio e l’infermiera sta dormendo nella poltrona accanto al fuoco.

La camera da letto si apre e una donna entra, sta portando una candela e una bottiglia di vino e va a svegliare l’infermiera.

La bassa e paffuta, infermiera, poi versa del vino in un casseruola d’argento, aggiunge delle spezie e dello zucchero e la scalda sul fuoco.

Nel frattempo, la donna va dall’uomo anziano nel letto per sentirgli il polso e sembra un po’ preoccupata, L’uomo con i capelli grigi addita la finestra e lei annuisce e va ad aprirla, e mette fuori la testa e ascolta.

Dopo qualche minuto chiude la finestra e guardando l’uomo anziano, scuote la testa. L’infermiera versa il contenuto della casseruola nella scodella d’argento e la porta all’uomo nel letto, ma lui non sembra gradirlo, comunque alla fine lo beve e poi si adagia per dormire.

La signora esce e l’infermiera ritorna alla sua sedia.

Adesso il Signor Dillet si è sollevato sul letto e non è sicuro di sognare. ‘No, sono del tutto sveglio e sento che il primo atto é finito.’ Pensa tra sé e sé guardandosi intorno.

Un grido terribile attira la sua  attenzione di nuovo nella stanza da letto, e inorridito guarda l’uomo anziano, che ora è molto pallido quasi cadaverico, seduto con le mani sul cuore.

L’infermiera sta per correre verso di lui ma poi decide di correre verso la porta, la apre e grida aiuto, poi si precipita verso il letto dell’uomo.  Nel frattempo, la signora in blu e suo marito, insieme a una coppia di domestici, entrano nella stanza; non possono fare nulla ma solo osservare l’agonia riflessa sul viso dell’uomo anziano.

Pochi minuti più tardi il Sig. Dillet vede arrivare una carrozza e dei cavalli; un uomo con una parrucca bianca scende con una scatola quadrata sotto il braccio.

La signora con il lungo vestito di seta e suo marito stanno aspettandolo alla porta per condurlo in salotto dove l’uomo tira fuori alcuni documenti.

 

La signora e suo marito parlano per alcuni minuti cin quell’estraneo che poi esce, ma prima che tutte le luci si spengano di nuovo, il Signor Dillet nota un sorriso alquanto spiacevole sulla faccia del marito.

 

Pensa che ci debba essere una continuazione e non è sorpreso quando una luce si accende nella cappella: ‘l’uomo anziano deve essere là,’ pensa e prima che si spenga la luce vede una candela cadere sulla bara.

Un’altra luce si accende in cima alla casa dove il ragazzino e la ragazzina sono coricati a letto. Ci sono anche la madre e il padre che indossano degli abiti scuri.

Il Sig. Dillet nota che non sono tristi, ma  

che stanno ridendo e parlando.

Il padre improvvisamente prende un  

un lenzuolo bianco e esce dalla stanza.

Un minuto dopo è di ritorno con il lenzuolo sopra la testa fingendo di essere un fantasma.

I bambini gridano dal terrore e ci vuole parecchio tempo prima che i loro genitori riescano a calmarli.

Lasciano la stanza e le luci si spengono di nuovo. ‘Oh bene, quella deve essere la fine’ pensa il Sig. Dillet pronto per andare a dormire ora, quando appare una nuova specie di luce, non una lampada o una candela, ma una pallida e brutta luce dietro la porta.

Il Sig. Dillet è così spaventato che ancora oggi non riesce a parlare o a pensare all’accaduto, ma ricorda ancora molto chiaramente l'orribile cosa che entra nella stanza; simile a una rana, della grandezza di un uomo con degli strani capelli bianchi che si dirige verso i letti...  poi urla; gente che si precipita gridando e poi, il suono di una campana che rintocca l’una, poi un’oscurità sinistra.

 

Una strana luce illumina la porta  principale, delle figure scure stanno portando una e poi un’altra piccola bara giù dalle scale. Segue un silenzio mortale.

 

Il Sig. Dillet non chiuse occhio quella notte. Quando i primi raggi del sole entrarono nella stanza notò che stavano ironicamente illuminando la casa delle bambole.  A un’ora possibile, il Sig. Dillet chiamò il suo dottore.

‘Una settimana di mare’ consiglia il dottore. Il Sig. Dillet concorda immediatamente … ovunque ma via dalla sua camera da letto e dalla silenziosa casa delle bambole! Prende accordi, ma prima di partire ordina al suo maggiordomo: ‘Imballa la casa delle bambole immediatamente, ora alla luce del giorno e mettila nella stanza sopra le stalle! Non toccarla fino a che non riceverai ulteriori ordini!’

La mattina dopo su una fredda e grigia spiaggia, la prima persona che incontra, il che gli sembra molto strano, è il suo amico antiquario, il Sig. Chittenden, che gli dice nervosamente: ‘Bene, salve. Come state Sig. Dillet?’

 

 

Al che il Sig. Dillet subito risponde: ‘Bene grazie, solo un piccolo problema di nervi, niente che l’aria fresca del mare non possa curare!’

‘Sì, mia moglie ed io abbiamo un problema simile; devo dirvi che solo un cliente americano può essere la risposta ai nostri problemi. Sì, credetemi, mi dispiace. Sì, ogni notte la stessa cosa e quel giorno voi …

Sì, mia moglie era così felice di dire addio a quella casa, e ora anche noi siamo qui.

Sì, dicono che l’aria del mare faccia bene ai nervi. Ora, Sig. Dillet vi voglio dare indietro i vostri soldi. Sì, tutti, eccetto 10.00 sterline …’ il Sig. Dillet interrompe e dice: ‘Mio caro amico, potete raccontarmi qualcosa di quella casa? La sua storia? Da dove proviene?

 

‘Bene, non sono sicuro ad eccezione del fatto che proviene da una vecchia casa non lontano da qui, in realtà. Ma ditemi Sig. Dillet chi pensate sia l’uomo che arriva alla casa con la carrozza, un dottore o un avvocato? Mia moglie pensa  sia un avvocato. Che cosa ne pensate?’

‘Sì, la scatola e i documenti mi hanno fatto venire la stessa idea. Forse con un testamento da firmare. Forse lasciandola ai bambini? Che cosa ne dite?’

‘Bene, so una cosa, che non voglio più quella casa delle bambole nel mio negozio, e voi cosa pensate? Hanno avvelenato il nonno? Bene, il mio motto è – Vivi e Lascia Vivere – e penso che non sia un cattivo motto.

 

Dopo la conversazione il Sig. Dillet si sente un po’ meglio, ma è ancora molto curioso circa la casa delle  bambole e vuole una risposta al problema che lo sta ancora preoccupando, e decide quindi di andare alla biblioteca pubblica a consultare alcune vecchie pubblicazioni.

 

 

 

Non c’era nulla. Nessun pubblicazione sulla casa. Poi entrando nell’ultima stanza deserta della biblioteca vide un vecchio, polveroso modellino di una chiesa in un contenitore di vetro donato da un certo Sig. Merewether di Ilbridge House.

 

 

 

Era sicuro che quel nome fosse importante. Trovò la casa su una vecchia mappa e controllò i registri della chiesa e vide che un certo Sig. Roger Milford, di 76 anni era stato sepolto l’11 settembre 1757 e di Roger e Elisabeth Merewether, di 9 e 7 anni, morti il 12 dello stesso mese e poco dopo anche la loro madre, Elizabeth, figlia del Signor Roger Milford.

 

 

 

Suo marito, un certo Sig. James Merewether, visse lussuosamente, senza la moglie e senza avere nessun tipo di problema finanziario o altro.