Documento senza titolo

The Rose garden

Il Roseto

 

The Rose Garden by M R James

Abridged and adapted by bilingualstoryworld

Original drawings by DepaF

 

  Il Roseto di M R James

Ridotto e adattato da bilingualstoryworld

Disegni originali di DepaF

Mr and Mrs Anstruther the new owners of Westfield Hall were having breakfast and talking about their plans for the day.  Mr Anstruther was going to play golf with a friend but, before leaving, his wife wanted her husband to show Collins, their gardener, the place where she had planned to plant a rose garden.

‘Oh yes, the place where there once been a summerhouse, the spot with the old seats and the post? Is there enough sun there, Mary?’ asked her husband.

'Dear George. Yes, of course. Once we get rid of some of the hedges, the seats and the post. It will be perfect.

Later standing before a small, damp area, with a path on one side leading up to the church and hedges on the other; both, Mr Anstruther and the gardener, had doubts about this being the perfect place for a rose garden.

'I can soon get rid of those.’ Collins said pointing at the old seats.

'And the post?' Collins shook it.

'It’s been there for years. It needs a lot of digging.’

In the afternoon, Mrs Anstruther was sitting on a stool under a sunshade sketching the church when Miss Wilkins called.

 

 

The Anstruther’s had bought Westfield Hall, some years ago from Miss Wilkins and her brother.  'I’ve just popped in to say goodbye. I'm leaving tomorrow.  Goodness! You’ve really done a wonderful job with the garden. I will certainly tell my brother all about it.

Mrs Anstruther was so pleased that she wanted to show Miss Wilkins where she had planned a rose garden. ‘Delightful.’ Was Miss Wilkins reply, adding ‘This place certainly brings  back some memories.’  'Yes?' inquired Mrs Anstruther; 'do tell me, something quaint and charming, I'm sure.'

'Not so very charming. We didn’t like to play here when we were children.  In fact one day I couldn’t find Frank, who was eight at the time. I spent hours looking for him. I eventually found him curled up asleep in the summerhouse. Here, on this very same spot, actually. When I shook him, he woke up screaming and ran off into the house.

 

Later he said that he had such a terrible dream; he was standing in a room full of people asking him question after question: ‘Where were you on the 19th of October?’  ‘Is this your handwriting?’ As if he was on trial.

 

Then suddenly he found himself out in a cold snowy street, climbing up wooden steps, and onto a platform. There was a fire… It was at that moment that I had woke him up. He had terrible nightmares after that.

But that’s not all. One evening I was sitting here reading a book, it was getting dark and then suddenly I heard someone whispering to me. I could only understand ‘Pull, pull. I'll push, you pull.’  It was quite angry. I looked around and the only thing near me was an old post.

In fright I had grabbed a pair of scissors from my work basket and slashed the post. Oh, look, that might even be the same post.  Yes, look! There are the marks! When my father knew that were frightened of the summer house, he went out one evening after dinner and pulled it down.

The next day I remember my father talking to the gardener who said.  ‘Don't you fear for that, sir: he's firmly buried as long as no one thinks to let him out.’ I got no answer when I asked my father about it, and soon after both my father and mother died. We were still very young. It was all very strange.

I tried to talk to the village people about it. The answer was always the same; they didn’t know or they just didn’t want to talk about it.  

Oh, I’m sorry! I’ve been boring you with my childhood stories, but Frank and I were very curious about the summerhouse and the mystery surrounding it. Well I really must be going now!’

The seats and the post had been cleared away by the evening.

However, Mrs Collins the gardener’s wife called in to say that her husband wasn’t feeling well and probably wouldn’t be able to work the next day.

The next morning, Mrs Anstruther’s first words were: ‘George, as soon as Collins is well, ask him to do something about the owls, they were making a terrible noise during the night, and I’m positive one perched just outside our window. Didn't you hear it? No, of course not, you were sound asleep as usual.

 

George? George? You certainly don't look very well.’

'My dear, you have no idea of the night I’ve had. Some very disturbing dreams indeed. ‘

'Well, really, George, you must have eaten something at the club house that didn’t agree with you.’  

'No, no; nothing but a cup of tea and some biscuits. Do you really want to know about my dreams, or will I just be boring you?’

‘No, George… if I get bored I’ll tell you to stop.’

'They were so distressing. All I can recall now was that there was a big fireplace and a lot of burnt papers. Then, someone shouting: ‘Horses! As quick as you can!’ Then,  people climbing the stairs, the door opening and what I was expecting… happened.' Yes, but what was that?'

'I don’t remember except, everything went dark, and then I was in a dark paneled room full of people, and I was… I was…  

‘On trial, George?'

 

'Goodness! Yes, Mary, I was; did you have the same dream too? How very odd! Yes, I was on trial, but I had no defense and there was only this fearsome fellow, rather a bully asking questions and twisting everything I said.’

'What about?'

'When and where I was on certain days. What I had written and why I had destroyed some papers; he just laughed at me and my answers.’

‘How did it end?'

'Oh, against me; he saw to that.  It seemed to last for days: just waiting and waiting.  Then, suddenly I found myself out in the cold.’

'Was it a dark and snowy with a fire burning nearby?'

‘How did you know?! Well, yes; I've no doubt it was a gruesome execution for high treason.   I found myself lying on straw and being jolted along as if in a cart. Then climbing up wooden steps. People shouting! Then I woke up… But, Mary… how did…?'

'Miss Wilkins called yesterday and told me about a dream her brother had in the summerhouse. Then last night listening to those horrible owls and those men talking and laughing in the shrubbery… by the way, go and see if they have done any damage. Speak to the police! Well, I suppose my thoughts must have got into yours while you were asleep. Curious, no doubt, and I am sorry they gave you such a bad night. ‘

'Oh, that’s alright! I think I’ll go and see if I can get a game of golf at the club. And you?’

'I’ve quite a lot to do today and of course there is always my drawing to finish.'      

Later, Mr Anstruther could see no visible damage to the garden and going round to the site of the rose garden, all he saw was the uprooted post, now lying on its side, and a very big hole.  

The gardener’s wife said that Collins was better and she hoped her husband hadn't done anything wrong, adding that there was a lot of talk in the village and some weren’t happy about the things he had cleared away.  

After lunch and a rest Mrs Anstruther, decided to finish her sketch. She worked hard, and was really pleased with what she had done. Then, suddenly, the light changed, so she decided to go in. Passing between the dark hedges, she thought she heard a bird rustling in the hedge and on turning she found herself looking at what she thought was a mask, peeping out among the branches. Maybe a joke, something to do with the 5th November, Guy Fawkes night? She then realized it was a face. A large, smooth, and pink, the mouth was open and a single tooth appeared below the upper lip.

As she looked closer the face receded into the darkness of the bush. With a shriek she ran off in terror towards the house slamming the door behind her.

After this scare the Anstruther’s decided they needed a break by the sea.  

On their return they received a letter from the Essex Archaeological Society, asking if they had some historical portraits which they might want to include in a local exhibition and they were especially interested to know if you they had the original of a photograph they had enclosed. It was of a Judge under the reign of Charles II, who, as you doubtless know, retired after his disgrace to Westfield Hall.

Adding that a curious entry has recently been found in a local parish register indicating disturbing incidents resulting in the summoning of local parsons by the rector of Westfield for an exorcism ‘a laying to rest in eternity’.

The entry ends by saying: ‘The stake is in a field next to the churchyard of Westfield.   On reading this and looking at the enclosed photograph, it was decided that Mrs Anstruther needed a winter abroad.

 

Mr Anstruther, while making the necessary arrangements for their trip went to see the local rector who was not surprised by all these events.

'I have visited your garden and the grounds around the church and have heard the locals talking about it. Yes, owls, as you say, and men at night, in the garden and even outside several cottages in the village.

 

There is nothing in our registers except the entry of the burial, and what I thought for a long time to be the family motto, but the last time I looked, I noticed that it was added in a later hand and had the initials of one of our rectors quite late in the seventeenth century, Augustine Crompton.

 

 Here it is, you see quieta non movere,

Do not disturb quiet things.

 

Il Signor e la Signora Anstruther , i nuovi proprietari di Westfield Hall stavano facendo colazione e parlavano dei loro progetti per la giornata. Il Signor Anstruther stava per andare a giocare a golf con un amico ma, prima di uscire, sua moglie volle che suo marito mostrasse a Collins, il loro giardiniere, il luogo dove lei aveva deciso di piantare un roseto.

‘Oh sì, il luogo dove c’era stato un tempo un gazebo , il posto con le vecchie panchine e il palo? C’è abbastanza sole là, Mary?’chiese il marito. ‘Caro George. Sì, certamente. Una volta che ci saremo sbarazzati di alcune delle siepi, le panchine e il palo.  Sarà perfetto.

Poco dopo erano di fronte a una piccola zona umida, con un sentiero da un lato che conduceva alla chiesa e alle siepi dall’altro; entrambi, il Signor Anstruther e il suo giardiniere, avevano dei dubbi sul fatto che fosse il luogo perfetto per un roseto.

‘ Mi posso sbarazzare velocemente di quelle.’ Disse Collins indicando le vecchie panchine.

‘E il palo?’ Collins lo scosse. ‘E’ lì da anni. Bisogna scavare parecchio.’

Nel pomeriggio, la Signora Anstruther stava seduta su un sgabello sotto un parasole facendo uno schizzo della chiesa quando passò la Signorina Wilkins.

 

Gli Anstruther avevano acquistato Westfield Hall, alcuni anni prima dalla Signorina Wilkins e da suo fratello.

‘Sono passata giusto per salutare. Parto domani. Santo cielo! Avete fatto veramente un lavoro meraviglioso con il giardino. Lo dirò senz’altro a mio fratello.

La Signora Anstruther era così contenta che volle mostrare alla Signorina Wilkins dove aveva voluto il roseto. ‘Incantevole.’ Fu la risposta della Signorina Wilkins, e aggiunse: ‘Certamente, questo luogo mi porta indietro con la memoria.’Sìì? ‘ chiese la Signora Anstruther ‘, sono certa che mi dirà qualcosa di pittoresco e affascinante.’

‘Non così affascinante. Non ci piaceva giocare qui quando eravamo  bambini. Infatti, un giorno non riuscivo a trovare Frank, che a quell’epoca aveva otto anni. Passai ore a cercarlo. Alla fine lo trovai raggomitolato nel gazebo.

Qui, questo stesso medesimo luogo, a dire il vero. Quando lo scossi, si svegliò gridando e corse verso la casa.

Più tardi disse che aveva fatto un sogno terribile, era in una stanza  piena di gente che gli faceva domande su domande: ‘Dove eravate il 19 di ottobre?’ ‘E’ la vostra scrittura questa?’ Come se fosse stato sotto processo.

Poi, improvvisamente , si trovò in una strada fredda e coperta di neve, mentre saliva gli scalini di legno che portavano a un patibolo. C’era un fuoco … Fu in quel momento che lo svegliai. Dopo questo episodio ebbe degli incubi terribili.

Ma non è tutto. Una sera ero seduta qui mentre leggevo un libro, stava facendo buio e poi improvvisamente sentii qualcuno sussurrarmi. Potei solo comprendere ‘Tira, tira. Io spingerò, tu tirerai.’ Era piuttosto arrabbiata. Mi guardai intorno e la sola cosa vicino a me era un vecchio palo. Impaurita afferrai un paio di forbici dal mio cesto da lavoro e scheggiai il palo. Oh, guarda, quello potrebbe essere lo stesso palo.

Sì, ci sono i segni! Quando mio padre seppe che eravamo spaventati dal gazebo , uscì una sera dopo cena e la demolì.

 

Il giorno seguente ricordo che mio padre stava parlando col giardiniere che disse: ‘Non abbiate paura per questo, Signore: lui è solidamente sepolto a meno che nessuno pensi di farlo uscire.’ Non ebbi risposta quando chiesi a mio padre della faccenda, e poco dopo entrambi mio padre e mia madre morirono. Noi eravamo ancora molto giovani. Era tutto molto strano.

 

Cercai di parlare dell’accaduto alla gente del villaggio. La risposta era sempre la stessa; non sapevano o proprio non voleva parlarne.

Oh, mi dispiace! Vi sto annoiando con le mie storie d’infanzia, ma Frank e io eravamo molto curiosi riguardo il gazebo e il mistero che lo circondava. Bene, devo proprio andare ora!’

Le panchine e il palo erano stati tolti entro sera.

Comunque, la Signora Collins, la moglie del giardiniere venne per dire che suo marito non si sentiva bene e probabilmente non sarebbe stato in grado di lavorare il giorno seguente.

La mattina dopo, le prime parole della Signora Anstruther furono: ‘George, non appena Collins starà meglio, chiedigli di fare qualcosa riguardo ai gufi, durante la notte hanno fatto un rumore terribile, e sono sicura che uno si è appollaiato proprio fuori dalla nostra finestra. Non lo hai sentito? No, certo che no, eri profondamente addormentato come al solito.

 

George? George? Di certo non sembri stare molto bene.’

‘Mia cara, non hai idea della notte che ho avuto. Ho fatto dei sogni davvero molto inquietanti.’

‘Bene, veramente, George, devi aver mangiato qualcosa al club che ti ha dato fastidio .

‘No, no; niente solo una tazza di té e qualche biscotto. Vuoi veramente sapere dei miei sogni, o ti sto annoiando?

‘No, George … se mi annoierò ti chiederò di smettere.’

 

‘Erano così angoscianti. Tutto quello che ricordo ora era che c’era un grosso camino e molte carte bruciate. Poi, qualcuno che gridava:’Cavalli! Più presto che potete!’ Poi, gente che saliva le scale, la porta che si apriva e quello che mi aspettavo … accadde.’ ‘Sì, ma che cos’era?’

 

‘Non ricordo eccetto che tutto divenne scuro, e poi io ero in una stanza scura, piena di gente , con le pareti in legno antico, e io ero … io ero …

 

‘Sotto processo, George?’

 

‘Santo cielo! Sì Mary, è vero; hai fatto anche tu lo stesso sogno? Che strano! Sì, ero sotto processo, ma non avevo difesa e c’era solo questo spaventoso tizio, piuttosto prepotente che faceva domande e rigirava qualsiasi cosa dicessi.’

‘Di cosa si trattava?’

‘Quando e dove ero in certi giorni. Che cosa avevo scritto e perché avevo distrutto alcune carte; rideva di me e delle mie risposte.’

‘Come è finita?’

‘Oh, contro di me; egli arrivò dove voleva. Sembrò durare per giorni: aspettando e aspettando. Poi, improvvisamente mi trovai fuori al freddo.’

‘Era un posto scuro e pieno di neve con un fuoco che bruciava nelle vicinanze?’

‘Come lo sapevi? Ebbene, sì; non avevo dubbi era una macabra esecuzione  per alto tradimento. Mi trovai sdraiato su della paglia e traballante come se fossi in un carretto. Poi, salivo delle scale di legno. La gente gridava! Poi mi svegliai … ma, Mary … come …?

 

‘La Signorina Wilkins è passata ieri e mi ha raccontato di un sogno fatto da suo fratello nel gazebo . Poi, la notte scorsa ascoltando quei orribili gufi e quegli uomini che parlavano e ridevano tra gli arbusti … a proposito, vai e guarda se hanno fatto qualche danno. Parla con la polizia! Bene, suppongo che i miei pensieri devono essere entrati nei tuoi mentre eri addormentato. Senza dubbio, curioso, e mi dispiace che ti abbiamo procurato una tale tremenda notte.’

 

‘Oh, è tutto a posto! Penso che andrò e vedrò se posso fare una partita a golf al club. E tu?

‘Ho parecchio da fare oggi e certamente c’è sempre il mio disegno da finire.’

Più tardi, il Signor Anstruther vide che non c’erano stati danni visibili al giardino e dirigendosi verso il roseto, tutto ciò che vide fu un palo estirpato, che ora giaceva sul suo fianco, e un grossissimo buco.

 

La moglie del giardiniere disse che Collins stava meglio e che sperava che suo marito non avesse fatto niente di sbagliato, aggiungendo che c’erano parecchie dicerie nel villaggio e qualcuno non era contento delle cose che erano state rimosse.

Dopo pranzo e un riposino la Signora Anstruther, decise di finire il suo schizzo. Lavorò duramente, e fu veramente compiaciuta di quello che fece. Poi, improvvisamente, la luce cambiò, così lei decise di rientrare. Passando tra le siepi scure, pensò di aver udito un uccello stormire nella siepe e girandosi si ritrovò a guardare a quella che lei pensò essere una maschera, spuntare tra i rami. Forse uno scherzo, qualcosa che aveva a che fare con il 5 novembre, la notte di Guy Fawkes? Poi capì che era una faccia. Larga, liscia e rosa, la bocca era aperta e un solo dente appariva sotto il labbro superiore.

Come guardò più da vicino la faccia indietreggiò nell’oscurità del cespuglio. Con un grido fuggi terrorizzata verso la casa sbattendo la porta dietro di lei.

Dopo questo spavento gli Anstruther  decisero che avevano bisogno di una vacanza al mare.

Al loro ritorno ricevettero una lettera dalla Società Archeologica dell’Essex, che chiedeva se avevano qualche ritratto storico che volessero includere in una mostra locale e che erano particolarmente interessati a sapere se avevano l’originale di una fotografia che avevano allegato. Era un giudice sotto il regno di Carlo II, che, come indubbiamente sapevano, si ritirò dopo la sua disgrazia a Westfield Hall. Aggiungendo che una curiosa registrazione era stata recentemente trovata in un registro di una parrocchia locale che indicava incidenti inquietanti che portarono ad un raduno dei parroci locali da parte del pastore anglicano di Westfield per un esorcismo ‘un mettere a riposo per l’eternità.’  La registrazione finiva dicendo: ‘Il  paletto è in un campo vicino al camposanto di Westfield. Leggendo questo e guardando la fotografia allegata, fu deciso che la Signora Anstruther aveva bisogno di passare l’inverno all’estero.

Il Signor Anstruther, mentre prendeva i necessari accordi per il loro viaggio andò a trovare il parroco locale che non fu per niente sorpreso di tutti questi eventi. ‘Ho visitato il vostro giardino e i terreni intorno alla chiesa e ho sentito le chiacchiere locali relative. Sì, gufi, come dite, e uomini di notte, nel giardino e fuori da alcuni cottage del villaggio.

Non c’è niente nei nostri registri eccetto la registrazione della sepoltura, e quello che ho pensato per lungo tempo essere il motto della famiglia, ma l’ultima volta che ho guardato, ho notato che era stato aggiunto con una calligrafia in seguito e aveva le iniziali di uno dei nostri parroci del tardo diciassettesimo secolo, Augustine Crompton.

Eccolo, vedete quieta non movere.

Non agitare ciò che è calmo.